AMA, M5S: con queste tariffe si rischia default

Una nota dei parlamentari del M5S Nugnes e Vignaroli si scaglia contro il commissario di Colari, Luigi Palumbo

“È venuto in audizione e non sapeva nulla, tranne una cosa: che recupereranno 20 milioni di euro dall’Ama per aggiornamenti tariffari. Per il resto non è dato sapere: non conosceva la condizione degli impianti, quante tonnellate verranno smaltite, né come, né dove”. E’ il commento contenuto in una nota dei parlamentari del Movimento 5 Stelle in Commissione Bicamerale sul ciclo dei rifiuti Paola Nugnes e Stefano Vignaroli all’audizione avvenuta ieri sera dell’amministratore straordinario dei TMB della società E. Giovi e del Consorzio Colari, Luigi Palumbo.

 

“L’amministrazione straordinaria – si legge nella nota – è subentrata alla società di Cerroni dopo che questa ha ricevuto l’interdittiva antimafia per la quale non può più contrattare con la pubblica amministrazione. Palumbo è stato nominato a fine aprile ma ad oggi ancora non era in grado di fornirci informazioni compiute”, sottolineano i parlamentari.

 

“È incredibile – continuano – che non avesse con sé i dati e non conoscesse la situazione di enorme disagio dei cittadini quando gli impianti sono a regime, per gli odori emessi, che tra l’altro sono sintomo di cattiva raccolta dei rifiuti. Uno degli aspetti più gravi della faccenda è appunto il dissesto finanziario in corso perché la regione aveva attribuito una tariffa di 122 euro a tonnellata, tariffa poi dichiarata inadeguata a coprire tutte le spese ed oggi aggiornata a 137 euro/tonnellata, in maniera retroattiva, agli inizi di gennaio, a causa dei debiti di Colari”.

 

Quindi l’azienda ha ricevuto per ora 1,6 milioni di euro con i quali si dovrebbe procedere alla manutenzione, però perennemente in ritardo. Secondo quanto riferito è stata fatta una prima tranche manutentiva la settimana scorsa, un’altra sarà effettuata a luglio e una terza ad agosto. Ma l’amministrazione straordinaria con lettera in autotutela ha anche chiesto che la tariffa fosse calcolata su tutto il periodo pregresso che va dal 2013. Per un credito che ammonterebbe a 20 milioni di euro. Ed è convinta che sia un credito esigibile. Sarà quindi solo questione di tempo, dice l’amministratore straordinario, ma poi Ama dovrà versare i 20 milioni di euro.

 

Nel resto di Italia le tariffe applicate per i Tmb sono ben differenti! Varia da 80 a 100 euro al massimo a tonnellata. – concludono Nugnes e Vignaroli- Qui nel Lazio vengono accordati questi regalini. Noi invece ci chiediamo se con questa soluzione l’azienda municipalizzata al 100% non rischia di essere messa definitivamente in ginocchio”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna