Ama, oggi sindacati da Raggi: “senza ok a bilancio, sciopero”

"Lo scorso dicembre ci avevano garantito che il problema del bilancio era risolto, a dirlo era stata la stessa sindaca Raggi", ha detto Quintarelli (Fiadel)

La sede di Ama

Oggi incontro decisivo con la delegazione dei sindacati Ama al Campidoglio. Senza l’approvazione del bilancio della municipalizzata –

, con annesse dimissioni dell’assessora all’ambiente Pinuccia Montanari – lo sciopero è certo. A dirlo, sulle pagine del dorso locale del Corsera, è Silvano Quintarelli di Fiadel: “Se non usciamo con un documento di accordo condiviso, iniziano le manifestazioni. Se non approvano il bilancio il rischio di uno sciopero è concreto”.

Per i sindacalista la decisione di bocciare il bilancio è incomprensibile. “Lo scorso dicembre – ha detto – ci avevano garantito che il problema del bilancio era risolto, a dirlo era stata la stessa sindaca Raggi. Dopo non so cosa sia successo. Noi sapevamo che il nodo era quello dei 18 milioni dei crediti cimiteriali, che i dirigenti di Ama hanno spostato in un’altra voce, liberando così il Comune dal suo debito. Siamo noi a voler capire”.

Il Comune – che è socio di maggioranza di Ama – per Quintarelli dovrebbe “ricapitalizzare” altrimenti l’alternativa è “portare i libri in tribunale”. I sindacati chiedono quindi di poter parlare con assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, per chiarire il destino dei lavoratori della municipalizzata. La richiesta è di rispettare “la delibera 58 che prevede il turnover dei pensionati con nuovi assunti, sono più di 400, ma con i conti in rosso sarà difficile”.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna