Ancora cassonetti in fiamme a Roma. Raggi, non ci fermeranno

Ultimo episodio vicino casa minisindaca,"Intimidazioni? Avanti". 600 cassonetti incendiati, sabotaggi e danni

I cassonetti incendiati sulla Tuscolana il 19 dicembre 2018

Ancora cassonetti a fuoco a Roma, questa volta in zona Tiburtina, vicinissimo all’abitazione della presidente del Municipio IV Roberta Della Casa (M5S). La facciata del palazzo sopra gli scheletri dei contenitori dell’immondizia, che ancora sprigionano odore di bruciato, appare annerita. E la sindaca Virginia Raggi è arrivata qui questo pomeriggio per esprimere “vicinanza e solidarietà” a Della Casa e per far sapere: “Questi episodi non ci fermano. Andiamo avanti a testa alta”. “Questa notte sono avvenuti due fatti molto gravi. Da una parte sono stati dati alle fiamme questi cassonetti sotto casa della presidente, dall’altra c’è stato l’incendio di un camper dove normalmente vive una famiglia nomade, ma che per fortuna stanotte non c’era. La cosa grave è che questo camper si trova in una strada dove nei prossimi giorni saranno dislocati i banchi di ambulanti che oggi sono su via Tiburtina”.

“Da quando ci siamo insediati sono stati incendiati più di 600 cassonetti per un danno complessivo che supera i 500 mila euro. Ricordiamo poi il sabotaggio e i danneggiamenti dei mezzi del servizio giardini, più di 11 episodi denunciati nel 2017, l’incendio nel deposito di cassonetti nel 2017 e quello dell’isola ecologica di Acilia. Sommiamo anche l’incendio del Tmb Salario, di un asilo del VI municipio… Insomma, noi continuiamo ad andare avanti a testa alta. Questi episodi non ci fermano”. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi arrivata in zona Tiburtina. “Siamo qui a testimonianza di tutti i presidenti e le presidenti di municipio in prima linea ogni giorno per testimoniare il cambiamento. Continuiamo a testa alta, lo voglio dire con chiarezza e determinazione”, ha aggiunto Raggi. Che ha anche ricordato il furto di una ruspa avvenuto di recente da due ladri vestiti da operai: “Nel VII municipio la presidente Monica Lozzi, che sta portando avanti un progetto di pedonalizzazione fortemente voluto dalla cittadinanza ma in parte scomodo per chi si oppone al cambiamento, ha subito il furto di un escavatore necessario per completare questo lavori. Questo si aggiunge ai numerosi cassonetti bruciati nel VII e nel X Municipio”.

Della Casa le ha fatto eco: “E’ evidente che questi atti non sono solo delle mere bravate, ma qualcuno forse non gradisce quello che stiamo attuando in città. Andiamo avanti senza paura, se questi vogliono essere atti intimidatori si sappia che noi continuiamo per questa strada, depositando le denunce nelle sedi opportune”. Presente sul posto anche un assessore del X Municipio.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna