Ardea, Gis irrompono in appartamento 34enne, uomo trovato morto

Si é suicidato con la stessa pistola che ha ucciso i bimbi. Nonna: sono morti stringendo mano del padre

L'intervento dell'Api.

I Gis hanno fatto irruzione nell’appartamento del 34enne che questa mattina ha sparato e ucciso un anziano e due fratellini di 3 e 8 anni.

L’uomo che si era barricato in casa e’ stato trovato morto. Si e’ ucciso con un colpo esploso dalla stessa pistola che ha ucciso oggi due fratelli David e Daniel Fusinato e l’84enne Salvatore Ranieri. Si apprende da fonti investigative. Ancora da chiarire i motivi del gesto. Sono in corso indagini dei carabinieri. Il sopralluogo e’ ancora in atto.

I militari hanno sequestrato l’arma nell’appartamento.

Si chiarisce intanto la dinamica della tragedia: i bambini stavano giocando davanti casa quando è arrivato il 34enne e gli ha sparato, colpendo anche un uomo che passava in bicicletta. L’uomo è poi fuggito e si è barricato in casa.

Intanto si apprende anche che il padre dei due bambini e’ ai domiciliari nello stesso comprensorio, secondo il sindaco della cittadina, Mario Savarese.

Tra lo sparatore e le vittime, anche la terza, un anziano nonno dei bimbi, sempre secondo il sindaco, ci sarebbe un rapporto di parentela.

“Sono morti stringendo la mano del padre”. Lo ha raccontato a Rapubblica.tv Sonia di Gennaro, la nonna materna dei due bambini uccisi. “L’ambulanza e’ arrivata troppo tardi, ci ha messo mezz’ora – ha aggiunto la donna -. Erano due bambini educati e rispettosi. Daniel, il piu’ grande, aveva solo 9 e 10 in pagella. Ieri era venuto a casa mia e stava andando via senza salutarmi. Invece e’ tornato indietro e mi ha voluto dare un bacetto”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna