Arriva l’assoluzione per Cerroni

L’ex proprietario della discarica di Malagrotta era stato accusato di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti 

La prima sezione penale del Tribunale di Roma ha assolto Manlio Cerroni – ex proprietario della discarica di Malagrotta – dall’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti solidi e urbani a Roma e nel Lazio “perché il fatto non sussiste”.

La decisione dei giudici che hanno fatto cadere le accuse per Cerroni arriva al termine di un processo durato oltre quattro anni. I magistrati, al termine di una camera di consiglio di oltre 8 ore, hanno assolto anche i collaboratori di Cerroni, Francesco Rando, Bruno Landi, Piero Giovi e Giuseppe Sicignano, ex supervisore delle attività operative nell’impianto Tmb (trattamento meccanico-biologico) e nella discarica di Albano Laziale. Cadute le accuse anche per Luca Fegatelli, ex dirigente della Regione Lazio e Raniero De Filippis, già a capo del dipartimento Territorio della Regione.

Lo scorso marzo la procura aveva chiesto una condanna a sei anni per il “Supremo” che dopo la sentenza non ha trattenuto la commozione. “Non chiedevo un premio ma il castigo no, dopo tutto quello che ho fatto nella vita e per Roma che ho amato tanto. Quante volte ho detto ‘ditemi, che io la sistemo questa città”, ha detto Cerroni che tra pochi giorni compirà 92 anni. E’ stato lui stesso a prendere la parola in aula, pochi minuti prima che la corte si ritirasse in camera di consiglio. “E’ sotto gli occhi di tutti, come la stampa da anni impietosamente ci ricorda, che Roma è diventata una discarica a cielo aperto e l’Ama è prossima alla Caporetto”, ha affermato, citando anche i suoi nuovi guai giudiziari e in particolare il sequestro del 27 luglio scorso di 190 milioni di euro alla società che gestisce la discarica di Malagrotta.

In quest’ultima indagine dei carabinieri del Noe, coordinata dal procuratore aggiunto Michele Prestipino e dal pm Alberto Galanti, oltre a Cerroni e Rando, risulta indagata anche Carmelina Scaglione, attuale rappresentante legale della società. La somma sequestrata su decreto firmato dal gip Costantino De Robbio corrisponde “al risparmio di spesa dal 2012 ad oggi per l’omessa” estrazione “del percolato nella misura della minore somma quantificata dal consulente da ritenersi comprensiva – è detto nel provvedimento – di ogni successivo reinvestimento o trasformazione e di qualsiasi vantaggio economicamente valutabile nei confronti degli indagati”

 

 

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna