Bimbo con disabilità maltrattato, sospesa docente dell’istituto Carlo Levi

"Sin dall'inizio del nostro insediamento ci sono state segnalazioni in merito alla vicenda" e abbiamo" riportato "tutto all'Usr" che ha avviato una ispezione, ha detto Paola Ilari, vice presidente e assessore alle politiche educative del Municipio III

Comportamenti non corretti nei confronti di un bambino con disabilità, insieme ad altri problemi, hanno portato alla sospensione dal servizio di una docente di una scuola romana.

Una vicenda che ha raccolto le posizioni dei rappresentanti istituzionale – nata dalla denuncia fatta dalla presidente del consiglio di istituto al programma Gli inascoltabili – New sound Level. “Ci siamo tranquillizzati in merito alla vicenda poiché l’Ufficio scolastico regionale ci ha confermato, dopo le ispezioni, di aver sospeso la docente per sei mesi”, ha detto all’Ansa Paola Ilari, vice presidente e assessore alle politiche educative del Municipio III, in merito al caso dell’istituto Carlo Levi. “Sin dall’inizio del nostro insediamento ci sono state segnalazioni in merito alla vicenda e abbiamo” riportato “tutto all’Usr” che ha avviato una ispezione al termine della quale la docente ha avuto un procedimento disciplinare e in seguito è stata sospesa.

“Apprendiamo dagli organi di stampa – afferma il ministro per le Disabilità, Erika Stefani – che i rappresentanti dell’Istituto comprensivo Carlo Levi di Roma denunciano una vicenda di aggressioni ai danni di un alunno con disabilità da parte di un’insegnante, sulla quale auspichiamo sia fatta chiarezza il prima possibile. Ci uniamo alla preoccupazione di studenti e famiglie. Se le accuse dovessero rivelarsi vere sarà sicuramente fatta giustizia. Ricordiamo che la scuola è il primo luogo nel quale gli alunni passano la propria vita e dovrebbe essere sempre un posto di inclusione”.

Anche l’assessora alla Scuola, Lavoro, Formazione di Roma Capitale, Claudia Pratelli si è detta “vicina e attenta alle preoccupazioni espresse dalle famiglie degli studenti e delle studentesse dell’Istituto comprensivo Carlo Levi di Roma. Le scuole devono essere il luogo in cui costruiamo l’inclusione, educhiamo alla cooperazione, al dialogo e al rispetto reciproco, uno spazio in cui tutte e tutti i bambini hanno il diritto di esprimere a pieno la propria personalità, sviluppare le proprie aspirazioni e competenze. E spetta al corpo docente promuovere e assicuri le condizioni perché ciò avvenga. Com’è noto all’interno delle scuole statali non vi è diretta competenza dell’assessorato alla scuola, né comunale e né municipale, ma è ovviamente interesse di tutti i livelli istituzionali che nella nostra città non siano tollerate situazioni di questo tipo”, ha concluso.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna