Buche, Codacons: donna incinta cade ai Parioli e fa causa al Comune

L’avvallamento le fa perdere l’equilibrio e provoca una violenta caduta sull’asfalto, fortunatamente di schiena.

Rimozioni per evitare che nelle buche cadano le auto

Un incidente che poteva trasformarsi in tragedia. Così il Codacons racconta il caso di una donna incinta che si è rivolta all’associazione per chiedere il risarcimento al Comune di Roma, dopo essere caduta in strada a causa di una profonda buca presente sull’asfalto.

“La vicenda – spiega il Codacons – risale allo scorso lunedì 1 ottobre, quando la donna, all’ottavo di mese di gravidanza, percorrendo via Guidobaldo Del Monte all’altezza di piazza Euclide mette il piede in una buca presente sul marciapiede e resa invisibile dal brecciolino. L’avvallamento le fa perdere l’equilibrio e provoca una violenta caduta sull’asfalto, fortunatamente di schiena. Immediato il dolore alla caviglia e al ginocchio, ma la preoccupazione più grande è per il bambino che porta in grembo. Con l’aiuto del marito si reca immediatamente dal ginecologo per sottoporsi a controlli urgenti, che per fortuna danno esito negativo: dalla caduta in strada nessuna conseguenza per la gravidanza. La donna decide così di sporgere denuncia presso la Polizia Locale del gruppo Parioli e si rivolge al Codacons per ottenere assistenza legale e citare in giudizio il Comune di Roma”.

“E’ difficile anche solo immaginare l’enorme paura e lo stress subito dalla protagonista di questa vicenda, che ha temuto di aver arrecato danno al proprio bambino cadendo in strada – spiega il presidente Carlo Rienzi – Una paura che ora il Comune dovrà risarcire, assieme a tutti i costi sostenuti dalla donna per le analisi cliniche e per le lesioni a caviglia e ginocchio. Abbiamo infatti deciso di sostenere la signora in una causa risarcitoria contro il Campidoglio, che sarà chiamato a rispondere dei danni morali e materiali prodotti a causa dello stato disastroso delle strade capitoline”. “Il sindaco Virginia Raggi farebbe bene a scusarsi pubblicamente con la donna protagonista della vicenda, la quale ha dimostrato enorme senso civico sporgendo formale denuncia e decidendo di ricorrere al Codacons e alla giustizia per far valere i propri diritti di cittadino ed evitare che altri utenti incorrano nel medesimo incidente” – conclude Rienzi.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna