Cc ucciso: padre Gabriel, mio figlio non è un assassino

"Voglio dimostrarlo, non sapeva Finn avesse un coltello"

foto da profilo Fb

“Mio figlio era lì, ha sbagliato. Ma non è un assassino e io voglio dimostrarlo”. Lo dice, in una intervista al Corriere della Sera, Fabrizio Natale, il padre di Gabriel, il diciottenne americano accusato di aver ucciso il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega insieme all’amico Lee Finnegan Elder.

Alla domanda su come possa sostenere che il figlio non c’entri con l’omicidio, risponde: “Lui mi ha giurato di non sapere che l’altro ragazzo aveva un coltello. Pensava di dover effettuare uno scambio come gli era stato chiesto e così avrebbero avuto indietro i soldi”. Perché, invece di scappare via è tornato in albergo a dormire? “Lui non sapeva che quell’uomo era un carabiniere, mi ha assicurato di non aver capito che era morto”, “l’ho visto in carcere, ho visto in che stato è, quanto è disperato. E gli credo”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna