17 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Coronavirus, sospesa ordinanza chiusura Zoomarine

Secondo il Tar “non ci sono i presupposti, il parco può riaprire"

Zoomarine
Photo credit: zoomarine pagina Fb

Zoomarine “ha ottenuto la sospensiva del provvedimento del comune di Pomezia che imponeva al parco 5 giorni di chiusura (dal 24 al 28 agosto), non essendoci i presupposti di legge”. È quanto si legge in una nota dello Zoomarine.

“La sospensione è arrivata oggi, consentendo al parco di tornare ad aprire regolarmente i suoi cancelli martedì 25 agosto”.

“Siamo profondamente soddisfatti della decisione del Tar. La tutela della salute dei visitatori e di tutti i lavoratori, nonché degli animali ospitati, è sempre stata la nostra priorità e continuerà ad essere l’unica mission di Zoomarine e di Dolphin Company – ha commentato Renato Lenzi, amministratore delegato di Zoomarine Italia Spa – I controlli effettuati delle autorità competenti all’interno del nostro Parco hanno riscontrato il rispetto delle disposizioni in materia anti covid e una scrupolosa attenzione al benessere di visitatori e lavoratori, che rendono Zoomarine un luogo sicuro. Siamo consapevoli della situazione delicata che stiamo vivendo, per questo vogliamo garantire che all’interno del nostro Parco saranno intensificati i controlli da parte dello staff, che vigilerà sul rispetto delle regole da parte degli ospiti. Per il bene e la sicurezza di tutti, chiediamo, quindi, la collaborazione anche dei visitatori e l’impegno ad adottare i comportamenti richiesti, come indossare la mascherina e mantenere il distanziamento sociale nelle file e negli spazi comuni, e di igienizzare di frequente le mani”.

“Zoomarine – conclude la nota – si impegna ad attuare tutte le misure necessarie al contenimento del contagio da covid19, in ottemperanza a tutti i decreti e le ordinanze vigenti, per garantire a tutti i suoi ospiti il consueto divertimento e un po’ di meritato relax, sempre in totale sicurezza”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014