Covid: Atac smentisce la notizia sui green pass falsi, “su 90mila controlli 20 anomalie”

"In totale, su più di 11.000 dipendenti, le persone che hanno comunicato l'assenza di Green pass sono circa una cinquantina", spiega l'azienda

In relazione a notizie di stampa che riportano che Atac avrebbe accertato l’esistenza di 160 green pass falsi, l’azienda sottolinea che tale notizia “è infondata”. Come è noto Atac, “in coerenza con il dettato normativo, controlla a campione tramite l’app C19 che i dipendenti che si recano al lavoro siano in possesso di un certificato valido. Tale attività ha portato a più di 90 mila controlli di green pass (sia in fase di accesso ai luoghi di lavoro, sia durante il servizio). Le anomalie riscontrate – a oggi – sono state circa una ventina, rilevate da segnalazione negativa accertata tramite la app”.

“Nella gestione dei diversi eventi il personale si attiene ai protocolli applicati dal 15 ottobre, soprattutto per quanto relativo alla comunicazione di mancato possesso del Gp e/o del tampone. A tal proposito, si sottolinea che i casi contestati ai sensi di legge (ovvero accesso ai luoghi di lavoro in assenza di documento valido), scoperti grazie ai controlli a campione, sono solo due. A questi si è dato seguito secondo quanto previsto dalle norme (segnalazione all’Autorità e percorso disciplinare). In totale, su più di 11.000 dipendenti, le persone che hanno comunicato l’assenza di Green pass sono circa una cinquantina”, conclude.

Approfondimento nel dossier

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna