Criminalità, Roma prima per operazioni sospette

I numeri elaborati dall'Ufficio Unità Finanziaria della Banca d'Italia

Guardia di Finanza

I numeri delle operazioni finanziarie sospette elaborati dall’Ufficio Unita’ Finanziaria della Banca d’Italia, ben 113.187 nell’anno 2020 in tutta Italia, destano allarme e preoccupazione. Nel 2020 Roma con 12669 (3632 in piu’ dell’anno precedente) diventa la citta’ italiana con il maggior numero di operazioni finanziarie sospette segnalate.

Il Lazio con 14329 si colloca al terzo posto dopo Lombardia e Campania. Nella nostra regione la provincia di Latina passa da 634 operazioni nel 2019 a 727 nel 2020 , Frosinone da 519 a 544, Rieti da 133 a 155 mentre Viterbo e’ l’unica provincia che registra una diminuzione da 244 a 234.

L’ammontare complessivo delle operazioni finanziarie sospette segnalate e’ di 96 miliardi con una ricaduta stimata nel Lazio di circa 10 miliardi. Cosi’ in una nota Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalita’ della Regione Lazio “Un aumento ancora piu’ preoccupante – scrive – a fronte di un prolungato periodo di lockdown che ha provocato una crisi di liquidita’ in cui versano soprattutto le piccole e medie imprese rendendole facili prede da parte della criminalita’ organizzata”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna