Draghi, piano per riduzione debito “sia credibile”

Monito all'Italia dopo le richieste della Commissione europea. Mentre il premier Conte annuncia: nessun rimpasto ma presto il ministro delle politiche Ue

 

Monito di Draghi all’Italia dopo le richieste della Commissione europea: per ridurre il debito serve “un piano di medio termine, che però deve essere credibile”. E l’allarme sull’Italia arriva anche da Moody’s: il debito pubblico “continuerà a salire nei prossimi anni”. E l’agenzia di rating mette in guardia sui minobot: sarebbero un primo passo verso l’Italexit.

Con Matteo Salvini “ci siamo detti chiaramente che se si va avanti si va avanti sugli obiettivi che ci siamo dati, per combattere e non per vivacchiare o tirare a campare”. Così il vicepremier Luigi Di Maio a Radio 24.

Il premier Giuseppe Conte, ha precisato, “sapeva che ci saremmo visti ma era all’estero con le imprese e non poteva partecipare” ma era necessario “incontrarci per fare ripartire tutto, le tante promesse” da mantenere, “dal salario minimo all’abbassamento delle tasse, dobbiamo metterci al lavoro prima possibile”. E aggiunge: nessun rimpasto ma presto il ministro delle politiche Ue.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna