È morto Raffaele La Capria: lo scrittore napoletano premio Strega viveva a Roma dal 1950

Nel 1963 il Leone d'oro al Festival di Venezia per la sceneggiatura di Mani sulla città dell'amico regista Francesco Rosi

È morto, all’età di 99 anni, lo scrittore Raffaele La Capria. Vincitore, tra l’altro del premio Strega nel 1962 con il suo capolavoro ‘Feriti a Morte’, denuncia del malgoverno partenopeo.

Nel 1963 il Leone d’oro al Festival di Venezia per la sceneggiatura di Mani sulla città dell’amico regista Francesco Rosi. Era nato a Napoli nel 1922 e dal 1950 viveva a Roma.

“Con Raffaele La Capria perdiamo un grande scrittore e una delle voci più autorevoli della cultura italiana del secondo novecento. Un autore acuto e originale che, con eleganza e senza sconti, ha saputo raccontare e indagare l’intimità dell’animo umano e la complessità della società italiana.

Napoli è sempre stata al centro della sua vasta produzione artistica, una città che ha amato, di cui ha saputo descrivere le emozioni e che non ha mai smesso di meravigliarlo. Mi stringo al dolore dei familiari e degli amici in questa triste giornata”. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini esprime il cordoglio per la scomparsa a 99 anni dello scrittore Raffaele La Capria.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna