“Era un uomo buono”, la gente comune ricorda David Sassoli

Flusso di persone da stamattina alla Protomoteca del Campidoglio. Il presidente dell’Europarlamento era entrato nel cuore degli italiani

Europeisti, militanti del centro sinistra, chi ricorda Sassoli per il suo animo gentile. Un flusso ininterrotto di persone. La camera ardente per David Sassoli ha visto arrivare da tutta la città gente comune, che hanno riconosciuto nel presidente dell’Europarlamento una “persona buona”.

Gli anni alla conduzione del Tg1 delle 20 lo hanno fatto entrare nelle case degli italiani. Bastava andare in giro con lui all’epoca per sentirti anche tu gli occhi addosso di chi in quel momento era in strada. E oggi quelle stesse persone si sono messe in fila per l’ultimo saluto prima del funerale.

“Era un vero federalista europeo…. Un uomo dal tratto umano che mancherà tanto alla politica italiana ed europea…. Una persona che sentivamo vicina anche se era a Bruxelles… Ha spesso parlato dei più poveri e dei più indifesi”, ci hanno detto coloro che oggi sono venuti alla Protomoteca del Campidoglio.

Molti anziani ma anche tanti giovani. Fra le numerose persone che hanno voluto rendere omaggio a David Sassoli, c’e’ anche una reduce sopravvissuta al bombardamento di San Lorenzo. Giunta in auto da Capena, a una quarantina di chilometri dalla Capitale, sorretta da un bastone e dalla sorella piu’ giovane Elvira, Lucia Tomassetti, 91 anni, nella camera ardente allestita in Campidoglio ha salutato la moglie e i figli dello scomparso presidente del Parlamento europeo, conosciuto anni fa a una manifestazione in memoria della strage nel popoloso rione romano. “Mia sorella e’ l’ultima reduce sopravvissuta. Abbiamo detto ai ragazzi e alla moglie che manchera’ a noi e tutto Paese – spiega Elvira Tomassetti, che aveva un mese il giorno della tragedia, da lei stessa raccontata nel libro ’19 luglio cadono bombe’, donato dalle due sorelle alla famiglia di Sassoli -. Ci sentivamo protetti in Europa con lui. La forza del padre deve diventare ora la forza dei figli”. 

E per ricordare David Sassoli alla camera ardente allestita in Campidoglio e’ arrivata anche una folta delegazione del Parlamento europeo. In testa al gruppo la maltese Roberta Metsola, divenuta presidente ad interim dopo la scomparsa del presidente Sassoli, nonche’ i vicepresidenti che fino a poche settimane fa hanno lavorato a stretto contatto con lui. Nella delegazione di quasi venti persone anche i presidenti dei gruppi dell’Europarlamento. Uno a uno gli europarlamentari hanno espresso le proprie condoglianze alla vedova di Sassoli e ai figli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna