15 Giugno 2021
Il meteo a Roma

C’è una cura promettente contro l’insetto killer dei pini di Roma

Si tratta di un progetto pilota nato dalla collaborazione tra Eur Spa e l’università Federico II di Napoli

photo credit: Amici dei pini di Roma

Emergenza cocciniglia tartaruga a Roma: il pericoloso parassita che colpisce i pini sta mettendo a rischio il valore ambientale, storico e monumentale del paesaggio urbano. Ma una speranza arriva da uno studio pilota nato dalla collaborazione tra Eur Spa e l’Università degli Studi di Napoli “Federico.

I risultati del progetto, curato dal dipartimento di Agraria, sono stati presentati durante un evento virtuale organizzato da Eur Spa. E sono incoraggianti. Dopo 15 mesi di trattamenti effettuati su parte del patrimonio arboreo di Eur Spa (circa 1.000 pini) si sono ottenuti risultati positivi nell’88,5% dei casi.

“È fondamentale confrontarsi e agire concretamente – ha dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi – per tutelare i nostri pini, alberi simbolo di Roma. La nostra è una città con un patrimonio arboreo di inestimabile valore e deve essere protetto. Sul verde abbiamo cambiato passo rispetto al passato: abbiamo investito somme mai viste prima. Quelle che abbiamo messo in campo sono risorse straordinarie per dare programmazione, continuità e regolarità alla cura e alla manutenzione del verde. È un impegno concreto che portiamo avanti con grande determinazione”.

Organizzare a maggio 2021 all’Eur, al Palazzo dei Congressi o alla Nuvola, gli Stati generali dell’Albero, per discutere in maniera integrata di verde urbano, partendo proprio dall’emergenza dei pini domestici – ha dichiarato il presidente di Eur Spa Alberto Sasso – rappresenta l’esigenza reale di parlare in modo più ampio e interdisciplinare del paesaggio urbano, anche in funzione della resilienza al cambiamento climatico, e proporre un’azione di sistema che finalmente coinvolga insieme la parte scientifica, amministrativa e più in generale la cultura cittadina. Abbiamo voluto divulgare – prosegue Sasso – un protocollo d’azione scientificamente provato in ambiente urbano, efficace e soprattutto economicamente sostenibile su vasta scala, proprio per allargare la platea degli attori che lottano contro questa malattia, che potrebbe cambiare irrimediabilmente il volto di Roma”.

“Sono stati valutati differenti approcci – ha dichiarato Antonio Pietro Garonna, Professore di entomologia generale applicata all’Università degli Studi di Napoli Federico II – dall’intervento in chioma con saponi molli di potassio alla tecnica endoterapica con abamectina. I risultati finora ottenuti – prosegue – dimostrano che l’endoterapia è promettente nell’abbattere le popolazioni della cocciniglia a densità tali da permettere ai pini di recuperare capacità vegetative. È da auspicare – conclude – l’adozione di una gestione agronomica integrata dei pini domestici, come riportata nelle Linee guida ministeriali, per la salvaguardia del patrimonio arboreo colpito dal parassita alieno”.

“Fortunatamente – ha dichiarato Sabrina Diamanti, presidente Conaf – sembra che la ricerca scientifica abbia trovato delle soluzioni a questa patologia, che sta distruggendo i pini di Roma e minacciando un patrimonio nazionale. La vicenda, però, deve far riflettere sulla generale mancanza di cura del verde urbano nelle nostre città. Nell’immediato – prosegue -, ai pini di Roma serve la competenza tecnica altamente qualificata di un agronomo, per applicare la cura partendo dalle soluzioni individuate dai ricercatori universitari. Nel medio periodo, invece, bisogna cambiare il modo di pianificare le città: va trovato un equilibrio tra le esigenze dei cittadini e quelli del verde urbano, va rispettato il ciclo di vita delle piante e vanno lasciati gli spazi di cui hanno bisogno, dobbiamo programmare interventi di cura periodica, evitando le potature dissennate che rendono le piante deboli a rischio malattia”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014