18 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Fase due, sono congiunti anche fidanzati e coppie di fatto

A chiarirlo è la ministra per la Famiglia, Elena Bonetti

In merito alla recente discussione nata attorno alla definizione di "congiunti" inserita dal governo nelle concessioni alle visite per la fese due dell'emergenza coronavirus, il ministro per la Famiglia, Elena Bonetti ha chiarito: "Sono anche fidanzati e coppie di fatto". In un'intervista a "Huffington Post" la responsabile delle Pari opportunità ha poi aggiunto: " Mi è chiaro il problema e come ministro per le Pari Opportunità ho a cuore di tutelare i diritti delle coppie omosessuali, che non devono essere discriminate. E' un punto che va chiarito e va chiarito nella direzione di permettere alle persone di ricongiungersi con i propri legami, fidanzati compresi. Bisogna richiamare al senso di responsabilità, ma nello stesso tempo è altrettanto importante la vita delle persone che risponde all?esigenza delle relazioni umane e delle coppie. Lavoreremo nei prossimi giorni per un chiarimento".

“Congiunti sono anche fidanzati e coppie di fatto”. A chiarirlo è la ministra per la Famiglia, Elena Bonetti, mettendo un punto fermo nella discussione nata attorno alla definizione di “congiunti” inserita dal governo nelle concessioni alle visite per la fase due dell’emergenza coronavirus.

In un’intervista a “Huffington Post” la responsabile delle Pari opportunità ha poi aggiunto: “Mi è chiaro il problema e come ministro per le Pari Opportunità ho a cuore di tutelare i diritti delle coppie omosessuali, che non devono essere discriminate. E’ un punto che va chiarito e va chiarito nella direzione di permettere alle persone di ricongiungersi con i propri legami, fidanzati compresi. Bisogna richiamare al senso di responsabilità, ma nello stesso tempo è altrettanto importante la vita delle persone che risponde all’esigenza delle relazioni umane e delle coppie. Lavoreremo nei prossimi giorni per un chiarimento”.

 

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014