Fiumicino, primo volo ‘Covid tested’ NY-Roma

tamponi negativi

L'aeroporto Fiumicino

“Il volo e’ andato bene, il bimbo ha dormito per 5 ore quindi direi che e’ andato benissimo”. Chiara stringe in un marsupietto azzurro Andreas, 7 mesi. E’ da poco atterrata all’aeroporto di Fiumicino con il primo volo Alitalia ‘Covid tested’ partito dal JFK di New York. Lei insegna ad Harvard lingua italiana e ne ha approfittato per portare suo figlio, nato negli States, per la prima volta in Italia.

Il volo Alitalia AZ609 e’ atterrato alle 7.50. A bordo un centinaio di persone che, in base alla procedura studiata da Aeroporti di Roma e Regione Lazio, hanno effettuato un primo test prima del volo e poi un secondo, di controllo, una volta atterrati. Tutti i tamponi sono risultati negativi, ma questo consentira’ loro di evitare la quarantena, obbligatoria al momento per i passeggeri in ingresso in Italia. Dopo trenta minuti tutti hanno ricevuto il risultato e lasciato l’aeroporto: “Andremo fuori Roma dove vivono i nostri genitori”, dice Chiara, “e’ la prima volta che potranno vedere Andreas e per loro sara’ una bella emozione”.

La tratta intercontinentale Covid tested, la prima in Europa, e’ un progetto sperimentale che segue quello che da settembre collega Roma e Milano. Di fatto un ‘corridoio sanitario’ attraverso un doppio tampone: uno in partenza, non prima di 48 ore dall’imbarco, e uno all’arrivo. Questo sistema consente di evitare i quattordici giorni di isolamento ai passeggeri, considerata da molti operatori del settore aereo il freno piu’ grande agli spostamenti via aria.

Questa tappa punta a far diventare questo processo un riferimento industrializzato da offrire a molte piu’ linee aeree. Una tappa che ci consentira’ soprattutto nel 2021, anno in cui continueremo a convivere con il virus, di recuperare un po’ di traffico e operarlo in massima sicurezza”, ha detto l’amministratore delegato di Aeroporti di Roma, Marco Troncone.

“Oggi siamo in una situazione drammatica del traffico aereo, crollato de 90 percento e quello delle flussi intercontinentali sostanzialmente annullati”, ha precisato, “questo volo e’ la prima tappa di un percorso che non si esaurisce qui”.

Per Nicola Zingaretti, presente ad accogliere i passeggeri, si tratta di “una sperimentazione straordinaria perche’ riaccende una speranza sul traffico aereo, sulla mobilita’ e sull’economia anche in presenza del Covid. Il nemico e’ il virus, non le norme per sconfiggerlo”, ha detto il presidente della Regione Lazio e segretario del Partito democratico.

Soddisfatti i passeggeri, felici di evitare i 14 giorni di distanziamento sociale di sicurezza: “Volare in questo modo e’ molto piu’ comodo, sono tornato in Italia in estate e ho dovuto fare la quarantena.

Ora con il doppio test fatto a New York e a Roma potro’ evitarla”, spiega Paolo, milanese ma a New York per lavoro dove si occupa di finanza. Quanto al volo, “e’ stato piuttosto tranquillo, l’aereo era riempito per meno di meta’ e comunque le distanze erano assicurate”. La sperimentazione dei voli Covid-tested riguardera’ in un primo momento gli aeroporti di New York e Atlanta con i voli Alitalia e Delta Air Lines. Ma l’obiettivo e’ estendere il modello a piu’ voli e piu’ tratte: “Con i voli Covid tested abbiamo un controllo sul 100% dei passeggeri”, ha detto Troncone, che conclude: “E’ un metodo piu’ efficace della quarantena, per certi versi sproporzionata perche’ colpisce tutti i passeggeri in arrivo, senza distinzione tra positivi e non”.

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna