15 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Fiumicino: stop 25 giorni per locali che violano ordinanza movida

Invito del sindaco a gestori a rispettare anche norme anticontagio Covid

Nel comune di Fiumicino la violazione dell’ordinanza sulla movida firmata ieri comportera’ la chiusura del locale fino a 25 giorni. Lo rende noto il sindaco di Fiumicino Esterino Montino. La nuova ordinanza vieta la vendita di alcolici da asporto dopo le 22 su tutto il territorio comunale. E’ anche vietato prolungare feste e intrattenimento con musica che comporti l’uso di amplificazione dopo la mezzanotte. A quell’ora la musica potra’ essere solo di accompagnamento e sottofondo. Inoltre rimane il divieto di eventi e musica sulla spiaggia dopo le 21.30.

“Va sottolineato, poi, che anche nelle altre fasce orarie la musica deve rispettare i limiti di decibel gia’ previsti e che variano in base all’area in cui si svolge l’evento – aggiunge Montino -. Chi volesse, puo’ consultare le tabelle a questo link: https://tinyurl.com/y9cbnqvx”. “L’ordinanza si basa non solo sulle precedenti – prosegue Montino -, ma anche su quelle regionali e sui decreti firmati dal Presidente del Consiglio dei Ministri per far fronte all’emergenza coronavirus, limitare (se non evitare) gli assembramenti e contenere il contagio”. “Ricordo ai cittadini e ai gestori di locali che violare l’ordinanza non comporta solo una multa pari a 600 euro – sottolinea il sindaco – ma anche la chiusura del locale che, in base alla gravita’ della violazione, puo’ andare da un minimo di 5 ad un massimo di 25 giorni. Significa, in sostanza, compromettere quello che resta della stagione turistica”. “La nostra Polizia Locale e le altre forze dell’ordine – conclude Montino – saranno inflessibili, come sono state finora, nell’applicare queste prescrizioni. Non ci saranno eccezioni di alcun tipo. Cosi’ come non ci sono state finora: ne sono prova i tanti provvedimenti presi e locali costretti alla chiusura nei giorni scorsi”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014