G20: cresce l’attesa nella Capitale e si intensificano i controlli – VIDEO

Domani sera bonifiche nel sottosuolo

I corpi speciali della Polizia impegnati nei controlli al G20 di Roma

Cominceranno domani sera le bonifiche, anche nel sottosuolo, da parte delle forze di polizia impegnante nel mettere a punto il sistema di sicurezza in vista del G20 previsto per sabato e domenica a Roma. Artificieri e unita’ cinofile ispezioneranno tutti i cunicoli che passano sotto le strade su cui transiteranno i cortei delle delegazioni. Saranno poi sigillati i tombini. Intanto sono in corso le bonifiche in superfice, in tutte i luoghi sensibili, non solo nella zona di massima sicurezza nell’ampio raggio attorno a la Nuvola dove il presidio di carabinieri e polizia e’ operativo gia’ da giorni, ma anche in aeroporto a Fiumicino, lungo i percorsi per arrivare a Roma, nelle zone dove alloggeranno le delegazioni, alle ambasciate dato che ciascun capo di Stato fara’ visita alla propria, ed anche nel centro storico dove le famiglie dei premier si recheranno in visita. Un lavoro di supervisione che impiega migliaia di persone delle forze dell’ordine.

I carabinieri hanno messo in campo oltre ai reparti territoriali, alle unita’ cinofile e antisabotaggio, ai tiratori scelti, anche le Api, le aliquote di pronto intervento. Si tratta di unita’ nate con l’obiettivo di costituire una risposta rapida agli attacchi terroristici. Sono formate da gruppi di 9 o 14 militari, suddivisi in equipaggi di 3 o 5 unita’. Intervengono quanto piu’ tempestivamente possibile per fronteggiare situazioni di crisi ad alto rischio, qualora l’intervento del Gis non fosse possibile nell’immediato, e comunque in sua attesa.

Alla stessa maniera la Polizia ha messo in campo il meglio. Oltre agli agenti dei vari commissariati e Volanti, alle unita’ cinofile, artificieri, ha dislocato nelle zone dove l’allerta e’ massima, le Unita’ operative di pronto intervento (Uopi). Si tratta di unita’ specializzate, in questo caso della della Polizia di Stato, nate con il compito di intervenire all’interno di situazioni ad alto rischio, prevenendo, contenendo o contrastando atti di terrorismo o di grave turbativa dell’ordine e sicurezza pubblica in attesa del Nucleo operativo centrale di sicurezza.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna