Lazio, al via le cure a domicilio per i positivi lievi

Le Unità speciali di continuità assistenziale (Uscar) garantiranno il servizio per i pazienti Covid-19 con sintomatologia non grave

(immagine di repertorio)

Sono attive da oggi le Unità speciali di continuità assistenziale (Uscar), con cui vengono garantite cure a domicilio per i pazienti Covid-19 con sintomatologia lieve. Lo annuncia in una nota il Movimento 5 stelle del Lazio. “Istituite grazie ad una proposta fatta in commissione Sanità, dalla nostra capogruppo Roberta Lombardi e dal vice-presidente della commissione, Loreto Marcelli, le Uscar saranno uno strumento utile anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria, come uno dei tasselli fondamentali di una sanità di prossimità, costruita intorno alle esigenze dei cittadini – si legge nella nota -. Sono 800 i medici e gli infermieri che hanno aderito al bando della Regione Lazio per prendervi servizio e svolgere un’attività di sorveglianza attiva sulle case di riposo e pazienti a domicilio, coordinandosi il Servizio di igiene pubblica delle Asl. Superato l’allarme Covid-19, si lavori affinché le Uscar diventino il cardine di un nuovo modello di prossimità assistenziale per tutta la sanità regionale”, conclude il gruppo consiliare M5s alla Regione Lazio.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna