12 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Il dopo Lozzi: M5s e sovranisti a braccetto in municipio VII

La maggioranza M5s conferma il suo appoggio a Lozzi, che però attacca a tutto spiano Raggi e sposa le tesi dell’antieuropeista Paragone

Monica Lozzi municipio VII
Monica Lozzi municipio VII

Dopo le dimissioni di Monica Lozzi dai M5S, il municipio VII diventa un laboratorio politico. Il risultato non è garantito. Lozzi aderisce al movimento sovranista e anti Ue di Gianluigi Paragone Italiaexit, non perde l’occasione di attaccare su tutti i fronti la sindaca Raggi, ma i M5S nel VII municipio confermano l’appoggio alla minisindaca. Paragone ha un passato a Libero e alla Padania, due giornali che hanno sempre raccolto consensi a destra e, pure contributi pubblici da sempre odiati dai M5s.

Un rebus, un rompicapo degno della Prima Repubblica. “La democrazia interna – ha scritto Lozzi su Facebook – si e’ rivelata una cieca oligarchia” mentre l’informazione “mera propaganda”. Insomma, i M5s per la sanguinaria minisindaca diventano il peggio del peggio. Meglio dunque l’Italexit di Paragone che, proprio all’indomani dell’accordo sul Recovery Fund dopo il coronavirus, chiede l’uscita dell’Italia dall’Ue e dall’euro.

Raggi non ha voluto commentare, mentre lo hanno fatto i M5s in VII Municipio. “Come capogruppo della maggioranza municipale confermo che l’intero gruppo consiliare continuera’ a sostenere il nostro programma elettorale 5 stelle, gia’ completato per oltre il 90%”, dice il capogruppo M5s in VII Municipio Roy Andrea Guido. “La Giunta portera’ a ultimazione il suddetto programma in questi ultimi mesi di mandato municipale – aggiunge – Questo e’, e restera’, il miglior governo su Roma da molti anni a questa parte, con una maggioranza mai spaccata (a differenza delle opposizioni) e gli obiettivi in larga parte gia’ conseguiti”. Argomentazioni che hanno suscitato le critiche di tanti sui social.

Il Pd attacca. “A Roma e’ ormai evidente il disfacimento del movimento 5 stelle a guida Raggi, dopo il IV municipio perdono il VII – dice il segretario del Pd di Roma Andrea Casu – Per quanto riguarda la presidente Lozzi tragga le conseguenze del suo fallimento amministrativo e politico e si dimetta. Piu’ che Italexit in VII municipio serve un Lozziexit”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014