Mafia: a Ostia polemiche per esibizione ‘Niko’ Pandetta, nipote di boss

Prefettura pronta a fermare concerto

Polemiche a Ostia per l’esibizione sul palco di Vincenzo ‘Niko’ Pandetta, cantante trap-neomelodico, nipote di un boss di Catania detenuto al 41 bis. Il cantante e’ stato invitato ad esibirsi il 17 settembre alla manifestazione canora voluta e finanziata dal X Municipio “Villaggio dello sport – X Village”.

Pandetta, nelle sue canzoni e sui social network ha spesso inneggiato alla criminalita’ organizzata. Per questo la Prefettura e le forze dell’ordine sono al lavoro e “seguono da vicino la vicenda”.

Si fa infatti presente che “non sara’ consentito a Pandetta e a nessun altro di esibirsi in qualsiasi forma che inneggi all’illegalita o alla criminalita’ organizzata”.

I messaggi contenuti nelle canzoni proposte dal catanese, inneggianti alle gesta dello zio boss di Cosa Nostra, che “per colpa di questi pentiti -recita in un verso- sei chiuso la’ dentro al 41 bis”, non sono tollerabili e non lo saranno. Una iniziativa che ha generato un vespaio di polemiche ma su cui il prefetto Matteo Piantedosi intenderebbe porre fine, impedendo lo svolgimento del concerto, o dell’esibizione di chiunque inneggi o si esprima a sostegno la criminalita’ organizzata. La questione e’ ancora allo studio e non vi sarebbero ancora determinazioni ma le esternazioni del cantante vanno ben oltre del limite consentito, in particolar modo in un territorio come quello di Ostia.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna