“Morire di carcere”: record suicidi, da inizio anno sono 38

Lo segnala Antigone nel suo rapporto sulle condizioni di detenzione

Dall’inizio dell’anno sono 38 i detenuti che si sono tolti la vita, oltre uno ogni 5 giorni. Lo segnala Antigone nel suo rapporto sulle condizioni di detenzione: “In carcere ci si leva la vita ben 16 volte di più rispetto alla società esterna”, denuncia l’associazione. Delle 38 persone che si sono tolte la vita in carcere nel 2022, 18 erano di origine straniera, due le donne. Quattordici persone decedute avevano tra i venti e i trent’anni. Nei primi sei mesi, fino al 30 giugno, i suicidi sono stati 35.

Guardando al passato, il dossier “morire di carcere”, curato da Ristretti Orizzonti, racconta come da dieci anni a questa parte i suicidi avvenuti tra il mese di gennaio e quello di giugno siano stati un minimo di 19 e un massimo di 27. Solo nel 2010 e nel 2011 tale numero si avvicinava a quello di oggi, rispettivamente con 33 e 34 suicidi. Erano quelli gli anni del grande sovraffollamento penitenziario, i detenuti erano molti di più, e la Corte Europea condannava l’Italia per violazione del divieto di tortura e di pene o trattamenti inumani e degradanti.

“Oggi – sottolinea Antigone – i detenuti sono assai meno che allora ma carenze e disagi continuano, impattando con più o meno forza nei percorsi delle persone detenute. Ovviamente ogni caso di suicidio ha una storia a sé, fatta di personali sofferenze e fragilità, ma quando i numeri iniziano a diventare così alti non si può non guardarli con un’ottica di insieme. Come un indicatore di malessere di un sistema che necessita profondi cambiamenti”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna