Morte Maddalena Urbani, pusher condannato a 14 anni

Sentenza dei giudici della I corte d'assise di Roma

I giudici della I sezione dell’corte d’assise della Capitale hanno condannato a 14 anni di carcere il pusher di origini siriane, Abdulaziz Rajab, accusato di omicidio volontario con dolo eventuale per la morte di di Maddalena Urbani, la figlia del medico Carlo Urbani che per primo isolò il virus della Sars. La giovane, che aveva 21 anni, morì a causa di una overdose di metadone il 27 marzo 2021, in un’abitazione in zona Cassia, a Roma.

I giudici, inoltre, hanno inflitto 2 anni a Kaoula El Haouzi, amica della Urbani, riformulando e derubricando l’accusa in omissione di soccorso.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna