Oggetti smarriti: l’Ufficio in smart working e chiuso ad agosto

Si riceve solo su appuntamento attraverso una mail. Ma ora si deve aspettare la riapertura del primo settembre, finite le ferie agostane

Alzi la mano chi non ha mai perso nulla. Quando capita, la speranza è di ritrovare ciò che c’era in tasca o in borsa e non c’è più.

È una speranza remota certo,  che ha un nome e un cognome; ufficio oggetti smarriti. È lì infatti che può avverarsi il miracolo di riottenere il mazzo di chiavi perduto. Una speranza che nella Capitale però è disattesa, visto che “il reparto oggetti rinvenuti” della polizia municipale, in via Prospero Alpino alias Garbatella, è in smart working dall’inizio della pandemia.

Sul portone – riporta ‘Il Corriere della Sera’ – spicca un cartello: “L’ufficio riceve esclusivamente su appuntamento il martedì e il giovedì dalle ore 10 alle 13, inviando una mail”.

E così chi ritrova il mazzo di di chiavi e trova l’Ufficio oggetti smarriti in smart working chiuso ad agosto decide quasi di lasciar perdere e ripone iì mazzo di chiavi lì dove stava. Perché nel mese di agosto, dove la città si svuota di romani e arrivano i turisti, l’ufficio è “chiuso al pubblico dal primo ai 31 agosto e riaprirà – recita ü secondo cartello appeso – il primo settembre”.

Insomma, per il malcapitato non resta che chiamare un fabbro, sempre che se ne trovi uno disponibile a ferragosto. E per chi ha perso invece braccialetti, orecchini o occhiali da sole il consiglio è di metterci una pietra sopra.

Non resta che sperare che i turisti stranieri non sappiano dell’esistenza a Roma di un ufficio oggetti smarriti, altrimenti oltre al danno la beffa di vedere avverato ii solito pregiudizio dell’italiano fannullone.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna