20 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Raggi chiede riapertura Forlanini, per D’Amato: “Proposta senza senso”

Botta e risposta a distanza tra la sindaca e l'assessore regionale alla Sanità, che precisa: "Riattivare una struttura come il Forlanini richiederebbe mesi, forse anni mentre servono risposte immediate"

Botta e risposta a distanza tra la sindaca di Roma Virginia Raggi e l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, sulla proposta di riaprire l’ospedale Forlanini. Il sindaco Raggi in un’intervista a Stasera Italia su Rete4 ha detto: “A Roma abbiamo assistito alla chiusura di tanti ospedali storici, pubblici, come il San Giacomo e il Forlanini. Sono assolutamente a favore di riaprire il Forlanini – ha commentato il sindaco -. Se fosse possibile riaprire il Forlanini dall’oggi al domani sarei in prima linea. Indipendentemente da quando può essere riaperto, comunque per me è un presidio da riaprire. La sanità pubblica è la garanzia che consente di curare tutti. Speriamo adesso nella Regione Lazio, noi ci siamo e siamo in prima linea”, ha concluso Raggi. Non si è fatta attendere la replica da parte della Regione Lazio, con l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato.

“La proposta sostenuta dal sindaco di Roma Virginia Raggi di riaprire il Forlanini è strampalata e senza senso – ha detto l’assessore D’Amato -. In queste settimane la sanità laziale ha già ampliato il numero di posti letto per terapia intensiva nelle forme e nei tempi appropriati per fronteggiare il virus – ha spiegato D’Amato – . Riattivare una struttura come il Forlanini richiederebbe mesi, forse anni. Dunque, una proposta assolutamente inutile. Servono invece risposte immediate, nei prossimi sette giorni, non progetti per i prossimi sette anni. Sul tema Covid-19 siamo impegnati ventre a terra con i due hospital Spallanzani e Gemelli con 157 posti letto per terapia intensiva. Roma e il Lazio vanno difese subito, il resto sono chiacchiere”, ha concluso l’assessore.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014