Raggi, Roma sia priorità per futuro governo

La sindaca ribadisce, poteri alla Capitale e più risorse con il Recovery fund

Al futuro governo la sindaca di Roma Virginia Raggi chiede di “mettere al centro” la Capitale, con la riforma dei poteri, ma anche con le risorse del Recovery fund. Intervistata dal Messaggero, la prima cittadina sottolinea che “si parla dei poteri per la Capitale da anni, purtroppo quando si arriva al dunque spunta sempre qualcosa che blocca tutto, manca sempre un pezzo. Le proposte però sono sul tavolo da tempo, ora è il momento di passare dalle parole ai fatti“.

Quanto agli investimenti, Raggi osserva che “solo per colmare il gap infrastrutturale di Roma servono 12 miliardi di euro. In tutto abbiamo presentato un pacchetto da 25 miliardi. Altre capitali europee hanno a disposizione dallo Stato molti più fondi di noi. Qui dobbiamo accontentarci di mettere sugli investimenti le risorse comunali, 1-2 miliardi all’anno. Possono mai bastare?”.

“Adesso – aggiunge – davanti a noi abbiamo tre appuntamenti chiave: il Recovery, il Giubileo del 2025 e poi la candidatura di Roma all’Expo 2030. Dieci anni per cambiare il futuro della Capitale se riusciamo ad agganciarci a questi treni”. Parlando della sua ricandidatura alla guida della città, definisce “fantapolitica” un accordo con il Pd al ballottaggio, afferma che “mi sto concentrando sui temi e spero che questo lavoro possa vedere la convergenza di forze non solo imprenditoriali ma di tutte le forze produttive, sociali, le forze che lavorano. E che ragionano. Civiche”. Spera quindi si voti a giugno, “per dare la parola ai romani, ma deciderà il governo”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna