Recovery, blitz di Greenpeace a Castel sant’Angelo

Stop soldi a chi brucia il Pianeta. Striscione a Roma e pallone aerostatico a Bruxelles

Attivisti e attiviste di Greenpeace Italia hanno aperto uno striscione da Ponte Sant’Angelo, a Roma, per lanciare una chiara richiesta al governo italiano e al presidente del Consiglio Conte: ‘Le persone e il Pianeta prima dei profitti’. In contemporanea, a Bruxelles attiviste e attiviste di Greenpeace hanno fatto volare un pallone aerostatico con il messaggio ‘Su che Pianeta vivete?’, destinato all’Unione europea.

In queste ore, alla vigilia del quinto anniversario dalla firma degli Accordi di Parigi, inizia una due giorni di Consiglio europeo che vedra’ tra i temi all’ordine del giorno proprio i fondi per la ripartenza e i nuovi obiettivi climatici al 2030 dell’Unione. “Con il Recovery plan si sta decidendo sul futuro di tutte e tutti noi – afferma Alessandro Gianni’, direttore delle campagne di Greenpeace Italia – questi soldi devono servire a tutelare le persone, i lavoratori e le lavoratrici, le piccole e medie imprese e non le grandi multinazionali inquinanti, responsabili dell’emergenza climatica i cui devastanti impatti sono visibili in questi giorni in Italia. Il governo smetta di dare soldi pubblici a chi brucia il Pianeta”.

Green solo a parole: i progetti del governo di cui abbiamo notizia – prosegue Greenpeace – rischiano di aumentare, e non risolvere, l’emergenza climatica e ambientale. Ad esempio, e’ necessario e urgente una reale rivoluzione energetica che viri con convinzione sulle fonti rinnovabili, creando al contempo nuovi posti di lavoro e vantaggi economici. Il governo invece parrebbe intenzionato a finanziare progetti, per diversi miliardi di euro, come quello di Cattura e stoccaggio di CO2 (CCS) a Ravenna, proposto da Eni. Un investimento cospicuo su una tecnologia fino ad ora fallimentare, onerosa dal punto di vista economico e che serve solo per poter continuare a estrarre gas fossile. Combustibile che, come ormai ben noto in letteratura scientifica, non e’ meno pericoloso del petrolio per il clima del Pianeta”. “Finanziare con soldi pubblici progetti per continuare a bruciare gas fossile, come il CCS a Ravenna, significa gettare benzina sul fuoco dell’emergenza climatica – conclude Gianni’ – il governo chiarisca una volta per tutte se ha a cuore le sorti del Pianeta o il profitto delle grandi aziende. I soldi del Recovery plan devono essere spesi per la tutela della salute, dei diritti, dell’educazione e dell’ambiente”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna