Roma-Viterbo, niente navette sostitutive nella tratta extraurbana: utenti in rivolta

Segnalazioni e indignazioni sui gruppi web dei pendolari: zero comunicazione

Amarezza, rabbia e la consapevolezza che la situazione sulla Roma-Viterbo continua ad essere difficilmente sostenibile. È stato questo lo stato d’animo dei tanti utenti della linea che collega la Capitale con la Tuscia quando hanno appreso che la ripresa del servizio navette – previsto per ieri – in realtà non sarebbe avvenuto in giornata.

Piccola digressione: il servizio navette, sostitutivo a suo volta di alcune corse dei treni nella parte extraurbana rimpiazzate dai bus, sarebbe dovuto rientrare in vigore prima il 3 settembre, poi ieri, il 17.

Il gruppo Facebook dei pendolari è una polveriera di lamentele, segnalazioni e osservazioni.

“Stamattina (ieri ndr) non c’erano le navette, alla stazione Euclide non ho visto alcun avviso e quando ho parlato con la impiegata alla stazione Montebello, come risposta mi ha dato il modulo per i reclami..” racconta Sandra Becker.

“In questo preciso istante mi trovo a Montebello con una ventina di persone perché oggi doveva riprendere il servizio navetta. Bene, nessuno si è preoccupato di avvertire la gente che le navette ancora non funzionano” gli fa eco Giovanni Biancini prima di attaccare duramente chi gestisce il servizio.

A chiarire la vicenda c’ha pensato Giovan Battista Del Buono, pendolare di lungo corso e grande conoscitore della linea laziale.

“Atac oggi (ieri ndr) non ha ripristinato il servizio di navette sostitute dei treni extraurbani– racconta Del Buono a Radiocolonna – questo ennesimo ed unilaterale taglio al servizio, oltre a provocare grande disagio ai pendolari, è una arbitraria riduzione del servizio senza una corrispondente ed equa riduzione del costo dell’abbonamento. Nelle comunicazioni ufficiali non si è fatto riferimento a questo disservizio”.

 

Nella giornata di oggi, da quanto comunicato da Atac sui suoi canali social la situazione non sembra essere migliorata:

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna