Salgono a 21 le scuole occupate a Roma, c’è anche il liceo Socrate

Dirigente scolastico chiama forze dell'ordine, lezioni sospese

Altre cinque scuole sono state occupate questa mattina a Roma. Continua, cosi’, la mobilitazione degli studenti nella capitale che manifestano per le condizioni in cui versano le strutture e perche’ chiedono di essere coinvolti nei progetti di rilancio della scuola pubblica. Questa mattina l’autogestione e’ scattata nel liceo classico Giulio Cesare, nel liceo scientifico Teresa Gullace, nei due licei artistici Enzo Rossi e Giulio Carlo Argan e al classico Pilo Albertelli. All’Albertelli l’occupazione si era sciolta pochi giorni fa ma l’istituto e’ tornato nuovamente in autogestione. All’Argan, invece, l’occupazione era fallita ieri grazie all’intervento dei carabinieri chiamati dal dirigente scolastico. Questa mattina l’occupazione e’ riuscita ma “I ragazzi sono rimasti chiusi all’interno senza luce” dice Francesca Lini, studentessa rappresentante di Opposizione studentesca di Alternativa (Osa).

Al momento sarebbero 21 le scuole occupate a Roma. Una lista che viene aggiornata di ora in ora dato che le occupazioni finiscono o cominciano molto celermente. Risulta occupato il Liceo classico Bertrand Russell sulla Tuscolana, il Liceo classico Augusto in via Gela, il Liceo scientifico Giovanni Keplero in via Silvestro Gherardi, l’Istituto Enzo Ferrari in via Grottaferrata, il Liceo Eugenio Montale in via di Bravetta, il Liceo Plauto in via Renzini, l’istituto Di Vittorio-Lattanzio in via Teano, il Liceo artistico Argan in via Ferrini, il Liceo scientifico Farnesina in via Giochi Istmici, l’Itis magistrale Caetani via Giuseppe Mazzini, il Liceo Pilo Arbertelli in via Manin, l’Itis Margherita di Savoia in via Cerveteri, l’istituto Enzo Ferrari in via Ferrini, il Liceo artistico Enzo Rossi in via del Frantoio, il Liceo Classico Giulio Cesare in corso Trieste, l’istituto Gaetano De Santis in via Cassia, l’istituto Blaise Pascal in via dei Robilant, il Liceo Socrate in via Padre Giuliani, il Liceo scientifico Tullio Levi-Civita in via Torre Annunziata, il Liceo scientifico Teresa Gullace.

A questi da questa mattina si è aggiunto anche il liceo ‘Socrate’ di Roma, nel quartiere Garbatellai. Dalle prime ore della mattina i ragazzi si sono schierati all’ingresso della sede principale della scuola, in via Padre Reginaldo Giuliani, impedendo l’accesso all’edificio. Vista l’impossibilita’ di far recedere i ragazzi dall’intenzione di occupare, il dirigente scolastico, Carlo Firmani, ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Sul sito ufficiale del ‘Socrate’, Firmani scrive che i ragazzi hanno inizialmente “chiesto di tenere un’assemblea straordinaria, che e’ stata subito concessa loro, ovviamente nella sola forma che garantisce la necessita’ del distanziamento, cioe’ su piattaforma telematica. Nonostante cio’ – si legge – tenuta lo stesso una assemblea di fatto, hanno deciso di entrare nell’edificio della scuola, di salire sul terrazzo sovrastante l’atrio -peraltro non accessibile- e di esporre lo striscione ‘Socrate Occupato’. Dell’accaduto sono state testimoni diretti dei rappresentanti delle forze dell’ordine. Ho comunicato formalmente alle autorita’ competenti, comprese quelle sanitarie, la situazione” conclude Firmani, annunciando che le lezioni e le altre attivita’ didattiche e progettuali gia’ previste sono sospese in entrambe le sedi della scuola: sia quella principale, sia quella secondaria di via Tommaso Odescalchi. Nel corso delle precedenti occupazioni, l’edificio e le suppellettili della scuola sono stati danneggiati per alcune migliaia di euro. Impossibile, al momento, parlare anche solo telefonicamente con i rappresentanti degli studenti per riferire la loro versione.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna