Santa Severa: bambino morto affogato, indagati il bagnino e la tata

L’autopsia del piccolo Francesco è prevista per oggi pomeriggio al Verano.

Due sono le persone indagate per la morte del piccolo Francesco, il bambino affogato l’altro ieri pomeriggio a Santa Severa sul litorale romano.

Si tratta della tata che lo aveva in custodia e del bagnino in servizio al momento della tragedia. Il bimbo era in spiaggia nello stabilimento Nuova Oasi, con la donna che si occupava di lui e della sorella di 4 anni.

I genitori, entrambi di origine ciociara ma da anni residenti a Roma, erano al lavoro in attesa della sera, quando la famiglia si sarebbe riunita. Alle 14:30 circa, la donna si è allontanata per recuperare un oggetto al bar e in quel frangente, Francesco di due anni e mezzo, si è incamminato verso il mare dove è morto affogato.

I carabinieri della compagnia di Civitavecchia che indagano sul caso, hanno inviato una informativa alla procura di Civitavecchia che ha indagato per omicidio colposo la tata e il bagnino, ipotizzando per la donna la mancata custodia del bimbo, per il secondo, la negligenza.

Si tratterebbe, però, di un atto dovuto in vista dell’autopsia prevista per oggi pomeriggio al Verano.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna