Scuola: assessore Lazio, ok lezioni ridotte a 45/50 minuti

confermati ingressi scaglionati

Studenti romani

Orario delle lezioni ridotto da 60 a 45-50 minuti, soprattutto per gli istituti tecnici e professionali. E ingressi scaglionati confermati ma con percentuali diverse di studenti per limitare gli afflussi nelle scuole.

Queste le soluzioni al centro di una riunione che si e’ tenuta ieri, convocata unitamente all’ufficio scolastico regionale e a cui hanno partecipato tutte le organizzazioni sindacali del comparto scuola e confederali e l’associazione nazionale presidi. In una nota l’assessore al Lavoro e Istruzione della Regione Lazio, Claudio Di Berardino, spiega che nel corso del confronto “si e’ concordato di modificare alcuni aspetti legati alla ripresa delle attivita’ in linea con le competenze del tavolo. Il risultato e’ stato positivo anche per senso di responsabilita’ delle organizzazioni sindacali. Fatte salve valutazioni diverse che il governo possa prendere o diverse valutazioni che possono emergere a seguito della curva dei contagi – spiega l’assessore – in vista della riapertura delle scuole superiori il 7 gennaio, e recependo alcune specifiche richieste, si e’ deciso di ridurre l’orario delle lezioni ridotto da 60 a 45-50 minuti, soprattutto per gli istituti tecnici e professionali.

Dopo un passaggio con le Prefetture, si sta lavorando per invertire la percentuale di ingresso a scuola modificando lo scaglione del 40 per cento con quello del 60 per cento. Parallelamente continueremo il lavoro nelle diverse realta’ territoriali e in raccordo con le Prefetture, che ringraziamo del loro impegno, per definire il piano tempi orari delle citta’. Come stiamo facendo da mesi, come assessorato alla Scuola – conclude Di Berardino -, continueremo a portare avanti tali tavoli confrontandoci e coinvolgendo tutte le parti, sempre nell’obiettivo ultimo di assicurare agli studenti, personale scolastico e famiglie il diritto alla salute e alla scuola”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna