Sequestrati 6 impianti autodemolizione a Roma, 38 indagati

in zona Laurentina - Acqua Acetosa Ostiense

Sei impianti di autodemolizioni inquinanti sequestrati e 38 indagati tra la Capitale e Fiumicino

Sequestrati 6 impianti di autodemolizione e 15 carroattrezzi, a carico di 16 diverse aziende di Roma e Fiumicino. Operazione della polizia locale di Roma, dei militari del Gruppo Carabinieri Forestale e del NIPAAF di Roma, con la collaborazione dei carabinieri della compagnia Eur e del Reparto Aeromobili Carabinieri e con il supporto tecnico di Arpa Lazio. 38 gli indagati che devono rispondere, a vario titolo, di reati ambientali relativi alla gestione illecita di rifiuti pericolosi, ma anche truffe assicurative e simulazioni di reato, per la demolizione di una molteplicita’ di veicoli oggetto di successiva denuncia di furto. Si tratta di 6 diversi impianti in zona Laurentina – Acqua Acetosa Ostiense.

L’attivita’ nasce dalle verifiche a carico degli impianti di autodemolizione, per lo piu’ privi di autorizzazione per mancanza dei requisiti essenziali ai fini del rilascio. Dalle indagini sarebbe stato accertato che gli impianti operavano senza titoli abilitativi validi, occupando con rifiuti pericolosi aree aperte al pubblico transito e senza rispettare i minimi criteri ambientali previsti dalla norma speciale.

Le indagini svolte hanno inoltre evidenziato circostanze in cui i veicoli fuori uso non venivano neanche privati dei combustibili ne’ di altri componenti pericolose.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna