Stadio Roma: Procura chiede il giudizio immediato per Lanzalone

Richiesta dovrà essere vagliata da gip

La Procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per Alfredo Lanzalone, ex presidente dell’Acea, nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo stadio che dovrebbe sorgere nella zona di Tor di Valle. Lanzalone si trova attualmente ai domiciliari per l’accusa di corruzione.

I pm hanno sollecitato la stessa richiesta, che consente di saltare l’udienza preliminare, anche nei confronti di un collega di studio di Lanzalone, l’avvocato Luciano Costantini e Fabio Serini, commissario straordinario dell’Ipa, istituto previdenza dei dipendenti del Campidoglio. La richiesta dovrà essere vagliata dal gip. Nell’indagine sono coinvolte altre 19 persone, tra cui il costruttore Luca Parnasi, per i quali i pm devono ancora formulare l’eventuale richiesta di rinvio a giudizio.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna