Tragedia a Roma, a Castel Sant’Angelo trovato dai turisti un clochard morto

L'associazione Nonna Roma: Ennesima tragedia che poteva essere evitata

“Questa mattina, di fronte a Castel Sant’Angelo è stato rinvenuto il corpo senza vita di un’altra persona senza dimora. È l’ennesima tragedia che poteva essere evitata avvenuta quest’anno: se nei mesi invernali si muore per il freddo, durante tutto l’anno si muore di indifferenza, e di abbandono, spesso di persone in precarie condizioni di salute”. È quanto si legge in una nota dell’associazione Nonna Roma. “Disgrazie come quella di stanotte – dichiara Alberto Campailla, presidente di Nonna Roma – dimostrano che è necessario immaginare un modello di accoglienza permanente e strutturato che ci faccia uscire dal carattere emergenziale che ha contraddistinto l’intervento istituzionale sui senza dimora da diversi anni”.

Continua Campailla: “Come proponiamo nel rapporto “Dalla strada alla casa” è necessario un modello di accoglienza permanente che duri tutto l’anno e metta le persone nella possibilità di uscire dalla marginalità. Alcune cose sono cambiate durante quest’anno, a partire dal numero maggiore di posti letto, ma occorre fare di più e serve un piano strutturato, il cui obiettivo sia anche quello di arrivare all’eliminazione di questo fenomeno. Oggi piangiamo la vita di questa persona e per questo continuiamo a chiedere alle istituzioni di intervenire per evitare che succeda di nuovo”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna