Trastevere: i topi mangiano la fibra e internet finisce fuori uso

I roditori che infestano il rione si "nutrono" con la fibra e internet si blocca. I tecnici sono continuamente al lavoro per ripristinare il servizio 

Dopo le notti di movida, i gabbiani che banchettano coi rifiuti per strada, adesso alcune zone di Trastevere si risvegliano spesso senza internet. A pochi metri da piazza Trilussa squadre di tecnici stanno provvedendo a riaggiustare l’ennesimo guasto alla fibra che non fa arrivare più il segnale internet in tutta la zona di Trastevere.

È da un paio di mesi che la linea arriva a singhiozzo. “Sono i topi che si mangiano tutto, rosicchiano il filo e divorano la fibra all’interno”, racconta a il ‘’Corriere della Sera’’ il tecnico Giancarlo Gerosi, intento a lavorare con Saverio Battisti e altri ragazzi della squadra, con mezzo busto che esce dai sanpietrini. “Il problema principale è che il segnale volta per volta rischia di diventare sempre più debole”, aggiunge.

La zona di Trastevere, insieme a Tor Bella Monaca, è quella con maggior numero di roditori. Il problema dei topi a Roma è immemore. Nei primi anni del ‘900 – ricorda il ‘Corriere della Sera’ – Emesto Nathan, anche lui appena eletto sindaco di Roma, esaminando il bilancio comunale si accorge della voce “frattaglie per gatti”. Chiede dunque spiegazioni al funzionario che gli risponde che il compito dei gatti sarebbe stato proprio quello dare la caccia ai topi dagli archivi comunali. Nathan prende la penna e cancella con una riga la voce dal bilancio: la colonia felina avrebbe dovuto sfamarsi direttamente con i topi catturati, altrimenti anche i felini del Campidoglio sarebbero stati inutili. Da qui il leggendario detto: “Nun c’è trippa pe’ gatti”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna