Ucraina: tragedia nella tragedia, scappa da guerra con figli, muore appena arrivata a Roma

E' stata colta da un malore appena scesa dal pullman in zona Colombo. Natalia e i suoi bimbi erano partiti da Leopoli il 16 marzo.

Era scappata dalla guerra con i suoi due figli ed è morta non appena arrivata a Roma. Non aveva ancora compiuto 46 anni la mamma che, questa mattina, è stata colta da un malore appena scesa dal pullman in zona Colombo.

La donna ucraina viaggiava sul mezzo insieme ai suoi due figli di 10 e 11 anni e ad altri connazionali. Inutili, per lei, i soccorso. È morta poco dopo. I bambini sono stati momentaneamente affidati ad una suora che la donna aveva conosciuto durante il viaggio, per poi essere affidati definitivamente ad un centro di accoglienza per minori.

Natalia e i suoi bimbi erano partiti da Leopoli il 16 marzo. La loro casa pero’ era a Kremenchuck, a est di Kiev, da dove sono fuggiti quando il pericolo di un’avanzata dell’esercito russo verso la capitale si e’ fatto concreto. Dopo un viaggio di oltre 24 ore sono arrivati stamani a Roma. Nel lungo tragitto in pullman, secondo quanto si apprende, Natalia ha fatto amicizia con una suora che sta organizzando con cadenza regolare una staffetta della solidarieta’ tra Roma e l’Ucraina salvando donne e bimbi. E proprio nella struttura di riferimento della religiosa che ora sospita i profughi ora si trovano i bambini.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna