Vaticano: a fine maggio cambiano vertici Cei, Russo vescovo Velletri

La nomina è arrivata dopo la scelta del Pontefice di accettare le dimissioni di monsignor Vincenzo Apicella.

È attesa per la fine del mese di maggio l’assemblea generale della Cei, chiamata a scegliere il successore del cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei dal 2018. Bassetti lascia la guida della Conferenza dei vescovi perché compie 80 anni. Proprio oggi, intanto, Papa Francesco ha nominato monsignor Stefano Russo, dal settembre 2018 Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana (Cei), nuovo vescovo di Velletri-Segni. La nomina di monsignor Russo è arrivata dopo la scelta del Pontefice di accettare le dimissioni di monsignor Vincenzo Apicella.

Il 28 settembre 2018 è stato nominato, proprio da Papa Bergoglio, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana reggendo ancora la Diocesi di Fabriano-Matelica in qualità di Amministratore apostolico fino al 27 aprile 2019.Mentre a Torino si è insediato il nuovo vescovo, monsignor Roberto Repole, direttore della Facoltà teologica di Torino, che succede a Cesare Nosiglia. L’addio di Nosiglia a Torino lascia vacante il posto della Conferenza espiscopale piemontese; mentre la nomina di monsignor Russo alla guida della Diocesi di Velletri-Segni, ‘libera’ la casella di segretario generale della Cei, ad ora vacante, che dovrà essere riempita.In una recente intervista al Corriere della Sera Papa Francesco, ha ricordato che la prossima assemblea generale della Cei, convocata dal 23 al 27 maggio, “dovrà scegliere il nuovo presidente della Cei”.

“Io – aveva affermato il Santo Padre – cerco di trovarne uno che voglia fare un bel cambiamento. Preferisco che sia un cardinale, che sia autorevole. E che abbia la possibilità di scegliere il segretario, che possa dire: voglio lavorare con questa persona”.Il presidente della Cei non viene eletto dai vescovi che fanno parte della Conferenza, ma viene nominato direttamente dal Papa, sulla base di una rosa di possibili nomi, indicati dall’assemblea generale. Solo la Cei, ad oggi, contempla la nomina del presidente direttamente dal Papa.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna