17 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Zingaretti inaugura barriera antirifiuti sull’Aniene

Il progetto ha avuto uno stanziamento di 215.499,61 euro

Una nuova barriera antirifiuti galleggianti, questa volta sul fiume Aniene. Dopo il successo della barriera contro la plastica sul Tevere, oggi il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha inaugurato la nuova barriera antirifiuti galleggianti sul fiume Aniene nel Comune di Roma all’interno della Riserva Naturale Valle dell’Aniene di RomaNatura. Il progetto ha avuto uno stanziamento di 215.499,61 euro: le barriere antirifiuti galleggianti diventano due e rimarranno posizionate per un anno intero sia sull’Aniene che sul Fiume Tevere lato Comune di Fiumicino in prossimita’ della foce. All’inaugurazione hanno partecipato anche Cristiana Avenali, Responsabile Ufficio di Scopo Piccoli Comuni e Contratti di Fiume della Regione Lazio, Antonello Ciotti, Presidente COREPLA e Maurizio Gubbiotti, Presidente di Roma Natura.

Obiettivo del progetto realizzato dalla Regione Lazio, e’ quello di intercettare i rifiuti galleggianti presenti nei fiumi, costituiti principalmente da materiale plastico, prima che arrivino in mare. Le plastiche compongono oltre l’80% del rifiuto presente in mare. I rifiuti marini, provengono per circa l’80% dalla terraferma e raggiungono il mare prevalentemente attraverso i corsi d’acqua e gli scarichi urbani, mentre per il 20% derivano da attivita’ di pesca e di navigazione. Per contrastare concretamente questo fenomeno, valutati i risultati di particolare rilevanza dell’intervento sperimentale sul Fiume Tevere soprattutto sotto il profilo ambientale, la Regione Lazio – Ufficio di scopo Piccoli Comuni e Contratti di Fiume, nell’ambito delle azioni intraprese per i Contratti di Fiume, ha deciso di raddoppiare i siti d’installazione delle barriere di raccolta dei rifiuti galleggianti, individuando oltre al fiume Tevere anche il fiume Aniene.

Un’azione indirizzata al miglioramento della qualita’ delle acque e alla sicurezza idraulica del fiume, perche’ intervenire sulla qualita’ delle acque dell’Aniene significa, di conseguenza, agire sulle acque che arrivano nel fiume Tevere e poi in mare. Inoltre i rifiuti galleggianti intercettati e raccolti, con particolare riguardo ai rifiuti di imballaggi in plastica, saranno selezionati per verificarne l’effettiva riciclabilita’ grazie alla collaborazione di COREPLA, il Consorzio Nazionale per la raccolta il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica. Nel corso dell’inaugurazione e’ stato installato un cartello informativo dell’intervento e posizionata all’interno della Riserva Naturale una panchina in plastica riciclata, per rappresentare quanto puo’ essere prodotto dalla plastica raccolta e avviata al riciclo, come e’ avvenuto nella sperimentazione del progetto sul Tevere, dove e’ stato attivato un vero e proprio processo concreto di economia circolare.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014