A Roma piantato il primo clone di un platano del 1600

Riprodotto da un esemplare superstite a villa Borghese

photo credit: Amici di Villa Borghese

Nella Villa Borghese di Roma è stato piantato il primo clone di Platanus Orientalis L. Il giovane albero di 5 anni, è stato riprodotto per talea (una tecnica di moltiplicazione vegetativa che utilizza parte di una pianta) da uno degli 11 rari esemplari superstiti di quei circa 40 piantati nel 1600 dal cardinale Scipione Borghese, fondatore della villa.

“Si tratta di uno dei pochi cloni viventi noti di antichi Platani Orientali, un grande successo reso possibile dal supporto operativo dell’associazione Amici di Villa Borghese – ha annunciato l’assessore al Verde di Roma Laura Fiorini -. Questo importante risultato rappresenta il primo passo verso la tutela, riproduzione e conservazione del patrimonio genetico degli alberi antichi di Roma e delle sue ville storiche. A Villa Borghese abbiamo aperto tre cantieri che ne stanno riqualificando aree importanti come il Giardino del Lago, i viali Washington e La Guardia e numerose altre”.

Alla piantumazione nella Valle del Graziano, nota anche come Valle dei platani, hanno assistito anche rappresentati dell’Orto Botanico dell’Università La Sapienza di Roma che segue fin dalle prime fasi l’evoluzione della talea realizzata dal Servizio Giardini capitolino. Il gruppo dei platani di Villa Borghese, come sottolineano dal Campidoglio, rientra nell’elenco degli Alberi Monumentali della Regione Lazio ed essendo un unicum dal punto di vista botanico, ambientale e storico, costituisce un vero e proprio museo verde a cielo aperto.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna