Addio a Milva: si è spenta a 81 anni la Pantera di Goro

Da tempo malata di Alzheimer, aveva contratto il covid

Se ne va un pezzo di storia della musica e del teatro italiani. Si è spenta a 81 anni nella sua casa milanese Milva, al secolo Maria Ilva Biolcati, una delle principali artiste italiane della sua generazione. Soprannominata ‘la Pantera di Goro’, faceva parte del quartetto delle grandi voci femminili italiane degli anni Sessanta e Settanta, con Mina, la Tigre di Cremona, Iva Zanicchi, l’Aquila di Ligonchio e Orietta Berti, l’Usignolo di Cavriago. Da tempo si era allontanata dalle scene.

Lei era Milva, al secolo Maria Ilva Biolcati. I suoi genitori volevano battezzarla Milva su suggerimento dell’ostetrica, ma il parroco di Goro, don Appiano, li fece optare per il nome di Ilvia Maria, poiché altrimenti la bambina non avrebbe avuto alcuna santa protettrice per l’onomastico.

‘Milva la Rossa’, per il colore di capelli (diventato anche il titolo di una canzone scritta per lei da Enzo Jannacci), è stata interprete di successi indimenticabili e ha avuto in oltre 50 anni di carriera un seguito globale, non solo in Italia ma in diversi Paesi in tutto il mondo. Ha realizzato 173 album, ha partecipato 15 volte al Festival di Sanremo, ha venduto oltre 80 milioni di dischi in tutto il mondo (oltre che in Italia soprattutto in Germania, Francia e in Asia, dove era molto amata) e ha lasciato in eredità brani indimenticabili, come Alexanderplatz e La Filanda, solo per citare i più celebri di una produzione sterminata.

Ma Milva era anche una grande attrice di teatro, avendo collaborato soprattutto con Giorgio Strehler, sotto la cui direzione diventò una delle più importanti attrici teatrali italiane.

Il suo repertorio principale era quello del teatro di Bertolt Brecht di cui fu la maggiore interprete italiana e una delle più apprezzate in ambito internazionale. Un’artista a tutto tondo, al punto da ricevere alcune delle più alte onorificenze in Italia, Germania e Francia: Ufficiale dell’Ordre des arts et des lettres, Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania, Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e Cavaliere della Legion d’onore della Repubblica Francese.

Nel luglio 2019, in occasione dei suoi 80 anni, la cantante rilascia un’intervista al Corriere della Sera, in cui sostiene di trascorrere le sue giornate a casa, accudita dalla figlia e dalla sua fidata assistente. Nel maggio 2020 Milva fa la sua ultima apparizione sulle scene musicali, con un cameo nella chiusura del videoclip della canzone Domani è Primavera di Dario Gay, incisione fatta dallo stesso in collaborazione con altri artisti per l’emergenza da COVID-19. Malata da tempo di Alzheimer, Milva è morta questa mattina nella sua casa di Milano.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna