Addio ad Antonio Pennacchi, aveva 71 anni

Lo scrittore ex operaio è morto improvvisamente nelle sua casa a Latina. Nel 2010 vinse il premio Strega con "Canale Mussolini"

Operaio fino a cinquant’anni, attivo politicamente fin da ragazzo prima nelle file dell’Msi e poi in quelle del Partito marxista-leninista Italiano, Antonio Pennacchi, morto ieri a 71 anni, ha portato la sua energia e passione anche nella scrittura. Ma per l’uscita del suo ultimo libro, ‘La strada del mare’ – pubblicato da Mondadori, il suo editore, nell’ottobre 2020 – aveva detto in un’intervista all’Ansa: “A 70 anni, ‘ho perduto l’innocenza, ma anche gli entusiasmi e le speranze. Il miglior tempo mio se n’è andato. Mi restano gli anni della discesa e della riflessione. Nello scenario generale penso ci siano delle costanti storiche, metastoriche direi, rispetto alle quali chi è giovane oggi è come ero io giovane allora, pieno di speranza e di voglia. È il ciclo della vita. Le energie e gli impulsi vitali restano costanti. Cambiano gli scenari intorno, i contesti”.

E Pennacchi non aveva mai smesso di combattere per l’eguaglianza di tutti gli esseri umani, fondamentale in tutta la sua opera, e contro l’ingiustizia che lo faceva arrabbiare anche a 70 anni. Nato a Latina il 26 gennaio 1950 dove è morto ieri sera, nella sua casa,lasciando tutti sconcertati, Pennacchi si era laureato in storia e filosofia durante un periodo di cassa integrazione. Aveva esordito come scrittore con ‘Mammut’, uscito nel 1995 cui era seguito, nello stesso anno, ‘Palude. Storia d’amore, di spettri e di trapianti’.

Nel 2003 il romanzo autobiografico ‘Il fasciocomunista. Vita scriteriata di Accio Benassi’ aveva ispirato il film ‘Mio fratello è figlio unico’ diretto da Daniele Luchetti. Ma il successo era arrivato nel 2010 con ‘Canale Mussolini’ con cui ha vinto il Premio Strega ed è entrato nella cinquina del Premio Campiello. Nel romanzo ripercorreva la storia di una famiglia contadina, i Peruzzi, sradicata dalla sua terra d’origine nella bassa padana per andare nell’agro pontino. Su questa terra, bonificata dalla malaria negli anni del fascismo, arrivano molti coloni dal nord, emiliani, veneti e friulani, insieme ai Peruzzi, capeggiati dal carismatico e coraggioso zio Pericle, fascista.

E a un nuovo capitolo della saga della famiglia Peruzzi era tornato con ‘La strada del mare’, ma questa volta portandoci negli anni Cinquanta dell’Agro Pontino. Oltre al seguito di Canale Mussolini nel 2015, tra i suoi libri Storia di Karel (2013), Camerata Neandertal. Libri, fantasmi e funerali vari (2014). “Nella prima parte e nella seconda di Canale Mussolini ho raccontato le storie della mia famiglia, quelle che mi erano state narrate. Qui racconto le storie che ho vissuto direttamente” aveva spiegato. In questo suo ultimo romanzo storico e di formazione, in cui c’è la politica di quegli anni, che tutti pensavano sarebbe stato candidato al Premio Strega 2021, ha raccontato un ramo della famiglia Peruzzi, i Benassi. Quattro donne e tre maschi: Otello, Manrico e Accio, che sono gli stessi protagonisti del Fasciocomunista, ma negli anni Cinquanta, quando questi ragazzini crescono.

Raccontare le cose che aveva vissuto direttamente era stato “più faticoso per Pennacchi “perché – sottolineava – significa fare i conti con la propria infanzia, con i fantasmi e i traumi dell’infanzia” e del Covid diceva: “in quegli anni abbiamo avuto una cosa simile al Covid, che è stata l’Asiatica, che ha fatto 30 mila morti in Italia e 22 milioni di contagiati, quasi metà del popolo italiano. Però la affrontammo in maniera diversa, forse perché non avevamo la consapevolezza che abbiamo adesso e le informazioni. Chi campava campava e chi moriva moriva”.

Accanito fumatore, dai modi bruschi, considerato uno dei maggiori scrittori italiani, Pennacchi aveva scritto nel gennaio 2021 una lettera aperta a Giorgia Meloni in cui diceva: “Cara Giorgia ti prego: dite di sì all’unità nazionale. Dopo la seconda guerra mondiale e quella di liberazione, le forze socialcomuniste e cattoliche – da sempre acremente divise – seppero trovare quel minimo di concordia necessario a costruire assieme l’unità del popolo, una costituzione democratica repubblicana e il conseguente miracolo economico degli anni cinquanta e sessanta che portò l’Italia ad essere, dal Paese povero e sottosviluppato che era prima, la quinta o sesta potenza economica mondiale panico di adesso”. Certo, più volte, negli ultimi anni, aveva sottolineato che oggi abbiamo perso quella passione che c’era nella politica. “La gente pensava fosse giusto interessarsi della cosa pubblica. C’erano ancora le ideologie e, forse sbagliando, la certezza di costruire un mondo migliore. Questo lo abbiamo perso, ma è necessario recuperarlo”. (di Mauretta Capuano per Ansa)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna