Addio Piera Degli Esposti, l’ultimo saluto degli amici

'E' ancora viva'. Il commosso ricordo di Dacia Maraini e del fratello Franco

Piera Degli Esposti era cosi’ viva che nessuno alla fine la crede davvero morta. E cosi’, non a caso oggi, nella sala della Protomoteca del Campidoglio dove era esposta la sua salma, tanti gli interventi pieni di incredulita’, incredulita’ che in quella bara ci fosse davvero l’attrice nata a Bologna nel 1938.

Su tutti il ricordo dell’amica Dacia Maraini che dice commossa: “Non posso immaginare che Piera sia dentro quella scatola e mi aspetto cosi’ che da un momento all’altro dica: ‘sono qui, sono viva! E che, alla fine, spacchi tutto per uscire”. E poi ancora la scrittrice, con la quale la Degli Esposti ha scritto a quattro mani ‘Storie di Piera’, ha ricordato poi la sua straordinaria capacita’ di narrazione e la sua terribile sofferenza all’ospedale dopo la tracheotomia: “E’ stata una cosa straziante vederla con la gola bucata incapace di parlare. E allora mi sono chiesta: fino a che punto e’ lecito soffrire e quanto dobbiamo aspettare ancora per una legge che tocchi questo problema”. Dopo la Maraini in una sala della Protomoteca piena di persone – presenti, tra gli altri, il fratello Franco, i nipoti e l’ex compagno il regista Massimo Scaglione, Marco Bellocchio, Lucia Mascino, Giorgio Trevez, Milena Vukotic, Concita Di Gregorio e Laura Delli Colli – ha preso la parola Pino Strabioli che ha subito esordito con una delle ultime frasi di Piera: “Ricordati di non far dimenticare a nessuno quanto sono arrabbiata con la morte. La vita e’ cosi’ piccola mentre la morte e’ cosi’ lunga”.

Da lui anche la lettura di un messaggio di Francesco Rutelli e uno di Lina Wertmuller che dice: “Mio amore dolce. Piera, luce fragile della mia vita, sei stata l’attrice piu’ grande del mondo. Per provare a consolarmi mi ricordo il tuo sorriso da bambina quando ti feci trovare sul divano Robert Mitchum. Lo vedesti e gli salisti subito in braccio, come dimenticarlo”.

L’architetto, scenografo e regista Manuel Giliberti ricorda anche lui una della ultime frasi dell’attrice: “Non considerava la morte come nemica: io sono immortale” diceva. E ancora: “Come faro’ senza di me quando non ci saro’ piu’?”. Lucia Mascino racconta invece dei loro ripetuti appuntamenti “in cui parlavamo come collegiali fino a notte inoltrata”, mentre Laura Delli Colli ricorda quando alla festa dei suoi ottant’anni Piera aveva detto: “Non sono fatta per la morte e neppure per la vecchiaia. Non ho abbastanza fiato per queste cose”.

Il fratello Franco non riesce proprio a parlare se non con una voce rotta di pianto: “Sono qui per ringraziarla per tutto quello che mi ha dato e per ringraziare voi che siete qui a salutarla”. Poi, tra le lacrime, legge un messaggio a Piera che arriva direttamente dal reparto rianimazione del Santo Spirito di Roma dove l’attrice era stata ricoverata prima di morire.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna