Addio Raffaella, ecco chi era l’icona della tv italiana

Da 60 anni in scena

Raffaella Carra’, all’anagrafe Raffaella Pelloni, nasce a Bologna il 18 giugno 1943.

Debutta artisticamente nel cinema negli anni Sessanta, ma e’ dalla televisione che otterra’ la grande popolarita’. Protagonista e conduttrice di numerosi spettacoli di successo, affianca alle partecipazioni televisive la realizzazione di canzoni di notevole riscontro commerciale, soprattutto sigle di trasmissioni TV e brani presentati in programmi televisivi. Nella stagione 1969-1970 arriva il successo televisivo, nello spettacolo Io, Agata e tu (con Nino Taranto e Nino Ferrer), in cui Carra’ lanciava un nuovo stile di showgirl, scattante e moderna.

Nell’autunno dello stesso anno fu al fianco di Corrado in Canzonissima, dove da’ scandalo per l’ombelico scoperto mostrato nella sigla d’apertura Ma che musica maestro!, che raggiunge le vette delle classifiche, vendendo 200 000 copie. Gli indici di gradimento e di ascolto toccano livelli inaspettati, consacrando Raffaella come la nuova stella dello spettacolo italiano. Visti i soddisfacenti esiti dell’anno precedente, la Rai decide di riconfermare la stessa coppia di conduttori anche per la nuova edizione del programma. Infatti nel 1971 e’ di nuovo a Canzonissima, dove vede entrare in classifica tre singoli: la sigla Chissa’ se va, Maga Maghella (destinata al pubblico infantile) e il celebre Tuca tuca, con annesso balletto. Quest’ultimo dalla terza puntata del programma venne censurato dalla Rai per via della coreografia giudicata troppo audace e provocatoria. Solo dopo l’esibizione insieme con Alberto Sordi, il ballo supero’ le censure e le polemiche iniziali, diventando un autentico fenomeno popolare. E’ dello stesso anno il primo album pubblicato dalla cantante, Raffaella, pubblicato sull’onda del grande successo di Canzonissima 1970 e di quello personale della vedette. Contiene Ma che musica maestro, sigla del programma. Nello stesso anno pubblico’ un altro album di successo, Raffaella Carra’, contenente anche il brano Borriquito, primo successo sul mercato latino.

Nel giugno del 1990, con Gigi Sabani, e’ la conduttrice di Cuando Calienta el sol, programma televisivo in due puntate in onda dall’Italia e dalla Spagna. Assieme a Johnny Dorelli, nel 1991, conduce il varieta’ del sabato sera di Raiuno, Fantastico 12, che ospita Roberto Benigni che simula un amplesso con la conduttrice. Alla fine del 1995 torna su Rai 1 con Carramba! Che sorpresa. Il programma, inventato insieme a Sergio Japino e Brando Giordani, che fa incontrare in diretta persone che non si vedevano da decenni, e’ un successo enorme, tanto da meritarsi un neologismo sulla Treccani, la ‘Carrambata’. Nel 2001, affiancata da Piero Chiambretti, Enrico Papi, Megan Gale e Massimo Ceccherini, presenta la 51^ edizione del Festival di Sanremo. Nel 2004 condusse il programma Sogni, nel quale, rivisitando Carramba! Che sorpresa, si concentra sulla possibilita’ di realizzare i sogni degli italiani e nel 2006 Amore, replica di un esperimento riuscito in TVE (Contigo), dedicato alle adozioni a distanza. A febbraio 2013 diventa uno dei coach, insieme a Noemi, Piero Pelu’ e Riccardo Cocciante, nel programma The Voice of Italy, talent show musicale di Rai 2, condotto da Fabio Troiano e Carolina Di Domenico. Nella stagione televisiva 2014-2015 torno’ su Rai 1 con un nuovo talent-show, chiamato Forte forte forte, che riprendeva il titolo di una delle canzoni piu’ note della stessa Carra’, (anche questa remixata da Bob Sinclar), andato in onda in prima serata ogni venerdi’ dal 16 gennaio al 13 marzo 2015. Il 30 novembre 2018 e’ uscito l’album natalizio Ogni volta che e’ Natale, che rappresentava il grande ritorno discografico dell’artista a distanza di cinque anni dal suo ultimo lavoro in studio (Replay – The Album) e il ritorno sulla scena televisiva dopo due anni di assenza, come ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa e da Carlo Conti a Un Natale d’Oro Zecchino.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna