Art Nouveau: torna a Roma con il successo della mostra di Klimt – FOTOGALLERY

Per il collezionista Valter Mainetti uno dei periodi artistici innovativi dell’arte europea trova ancora una volta il riconoscimento del pubblico nei capolavori del grande artista austriaco 

Attraverso la mostra a Palazzo Braschi di grande successo “Klimt. La Secessione e l’Italia”, torna dopo dieci anni nella Capitale un periodo artistico che coinvolse rapidamente tutti i paesi europei con fermento, voglia di innovazione e cambiamento. Non molte, infatti, erano state in precedenza le occasioni per valorizzare l’Art Nouveau e l’Art Déco, epoca che ha avuto in Klimt uno dei maggiori testimoni.

 

“Nel giugno del 2012 – ricorda l’imprenditore e collezionista Valter Mainetti, presidente della Fondazione Sorgente Group – abbiamo deciso di inaugurare il nostro Spazio espositivo Tritone con la mostra “Un angolo di Art Nouveau a Roma”, presentando la nostra collezione di dipinti, mobili, oggetti d’arte e d’arredo disegnati da grandi artisti, come Emile Gallé, Louis Majorelle, Peter Carl Fabergé, Tiffany Studios, e non ci aspettavamo un tale successo di visitatori e d’interesse’”.

La mostra di Klimt a Palazzo Braschi prosegue fino al fino al 27 marzo con esposte le opere provenienti dal Belvedere Museum e dalla Klimt Foundation in un coinvolgente allestimento e un’illuminazione ben curata, che evidenzia la sensibilità artistica di questo grande maestro che tanto influenzò i nostri artisti come Galileo Chini, Antonio Zecchin, Giovanni Prini e tanti altri.

“Come già era successo per la mostra nel nostro Spazio Tritone, il numero elevato di presenze alla mostra su Klimt – rileva Mainetti – deve far riflettere sull’importanza di questa fase artistica, non solo nei confronti di grandi autori, ma per il coinvolgimento che ne derivò in tutti i settori, come il teatro, il cinema, la moda, che si diffuse in tutti i paesi europei. In fondo un periodo così vicino a noi, ma che solo oggi si sta scoprendo veramente”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna