#cambialalingua, il vocabolario Zanichelli diventa un’installazione interattiva – VIDEO

Per il lancio dell’edizione 2022, approda a Roma l’installazione interattiva della casa editrice

È arrivata a Roma la grande installazione dell’iniziativa #cambialalingua, promossa dalla casa editrice Zanichelli per diffondere la consapevolezza della nostra lingua con una modalità originale e coinvolgente. Siamo noi infatti a cambiare l’italiano mentre parliamo e scriviamo, modificando i significati delle parole e inventando nuovi modi di dire. Abbiamo quindi una responsabilità individuale e collettiva sulla nostra lingua. Ad esempio, il temine ‘Coppia’ è passato da “due cose o persone o bestie messe e considerate insieme per qualche fine” (Zingarelli 1922) a “due elementi della stessa specie considerati nel loro complesso” (2022), con l’ingresso, nell’edizione del 2000, delle coppie di fatto.

Dopo TorinoMilanoPadovaForlì e Lecce, in piazza Cola di Rienzo è apparso un grande vocabolario interattivo di 4 metri per 3, con un monitor touch screen. La proposta di Zanichelli è semplice: il grande vocabolario interattivo può essere un set per farsi scattare e ricevere una fotografia istantanea, ma anche lo spunto per scegliere una delle parole che riflettono il cambiamento dei nostri modi di vivere (dalle leggi alla tecnologia, passando per termini come ‘Bolla’, ‘Resistenza’, etc..), proporre un significato diverso e condividerlo con l’hashtag #cambialalingua. Per alcune di queste parole Marco Balzano ha scritto un breve testo che ne riassume e analizza la storia. Ecco come lo scrittore interpreta ‘Coppia’: Per fare coppia bisogna avere qualcosa in comune. Una coppia di cavalli, per esempio, è tale perché́ appartengono alla stessa specie; ma un gallo e un cavallo possono formare una coppia in nome del loro genere, quello animale. E un uomo e un cavallo non sono forse una coppia di viventi? E si potrebbe continuare. Il vocabolario di un secolo fa specificava che si tratta di due persone di sesso diverso unite tra loro da un rapporto matrimoniale o amoroso, ma nell’edizione del 1997 cadono la distinzione fra i sessi e il riferimento al matrimonio, si parla, infatti, di due persone unite fra loro da un rapporto amoroso. Il significato che vince e supera il tempo è quello più assoluto di unione. Come a dire che gli elementi in comune sta a noi crearli e sta sempre a noi individuarli negli altri”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna