Da Musei in musica al Romaeuropa Festival: gli appuntamenti del weekend a Roma

Oggi grande attesa per il ritorno di Antonello Venditti e Francesco De Gregori, per il secondo dei quattro concerti in programma alla Sala Santa Cecilia

Una ricca offerta culturale caratterizza questo fine settimana romano. Si parte domani, sabato 19, con l’iniziativa “Musei in musica“, che torna dopo tre anni di stop. La sera i musei civici apriranno straordinariamente (dalle 20.00 alle 2.00 di domenica) al costo simbolico di un euro e questo consentirà di apprezzare le bellezze delle collezioni permanenti e le opere delle numerose mostre temporanee attualmente in corso assistendo, nel contempo, all’ampio programma di concerti e spettacoli dal vivo previsti. Tra i protagonisti l’artista Fiorella Mannoia che si esibirà ai Mercati di Traiano.

Ancora musica con gli ultimi appuntamenti del Romaeuropa Festival. All’Auditorium, il Parco della Musica Contemporanea Ensemble diretto da Tonino Battista dedica il 19 novembre alle 19, un omaggio a Iannis Xenakis, tra i compositori più influenti del ventesimo secolo, in occasione dei cento anni dalla nascita. Prosegue anche la programmazione del Roma Jazz festival a cura di Imf Foundation in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. In programma questa settimana i concerti di Jemma (19 novembre) e Steve Coleman Quintet (19 novembre).

Grande attesa anche per il ritorno di Antonello Venditti e Francesco De Gregori, oggi, per il secondo dei quattro concerti in programma alla Sala Santa Cecilia e per il concerto di Pejman Tadayon (20 novembre) che presenterà al pubblico romano il suo nuovo progetto, Non siamo Sufi.

Non solo musica, ma grandi mostre per questo week end. Incanto di Luci è la mostra d’arte sensoriale che arriva all’Orto Botanico di Roma da sabato a domenica 8 gennaio 2023. Un mondo incantato, incorniciato dalla Città Eterna, in contemporanea con altre 18 località estere, come Parigi, Barcellona, Berlino, Francoforte, Dresda e Windsor. Ed ancora. Ha aperto a Roma una tra le attrazioni più insolite, divertenti e interessanti del mondo: il Museo delle Illusioni, in via Merulana. Al suo interno è permesso sperimentare, ridere, scattare foto e fare molto di quello che non è permesso normalmente in un museo. L’uso della fotocamera non solo è permesso, ma è fondamentale per godersi appieno l’esperienza prima di venire a farci visita assicurati di avere il telefono carico. Il Museo delle Illusioni non è statico, è uno spazio che permette alle persone di essere creative e di svagarsi.

Oggi, invece, al Museo di Roma a Palazzo Braschi-Quadriennale e Roma Culture in programma l’anteprima delle mostre di Alessandro Biggio e Antonio Fiorentino, da un saggio di Alessandra Troncone, e di Giuseppe Di Liberto. In occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, sabato e domenica a Casina di Raffaello, si terranno due giornate di eventi gratuiti tra mostre, laboratori, incontri, letture e danza. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con l’Ambasciata del Messico in Italia, Amnesty International Italia, Centro Agroalimentare Roma, Città del Sole con Aipan – Associazione Italiana per l’arte naturalistica, Emergency, Fatatrac editrice, Federazione Italiana Danza Sportiva, Fondazione Treccani Cultura, Istituto Giapponese di Cultura, Save the Children, Ultrablu.

Lunedì prenderà il via l’appuntamento con la XVII edizione del Festival delle Scienze di Roma all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone. Esplorare, il tema di questa edizione, porterà dalle esplorazioni fisiche e mentali della realtà che ci circonda alle ricerche che hanno portato a grandi scoperte scientifiche e hanno trasformato il nostro modo di guardare il mondo. Oltre 100 eventi, più di 120 ospiti dall’India agli Stati Uniti, dall’Inghilterra al Botswana. Per quanto riguarda i libri è uscito il 15 novembre il volume edito Bordeaux edizioni, di Luca Todarello e con la prefazione di Massimo Raffaeli. In occasione dei Mondiali di calcio di Qatar 2022, l’Atlante sentimentale del goal ripercorre la storia della manifestazione da un’angolazione particolare, quella dei suoi “momenti fatali”: i goal più iconici. Cinquanta tableaux, a cavallo fra cronaca sportiva e suggestione letteraria, uno per ogni rete entrata nel cuore e nella mente degli appassionati di calcio, tracciano una mappa “sentimentale” del gioco più bello del mondo.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna