Frosinone: Roccasecca, città natale di San Tommaso d’Aquino si candida a Capitale italiana della Cultura 2025

"Mentre tante aree parlano solo di spopolamento e desertificazione culturale, noi apriamo biblioteche, musei, suggellando i successi sostanziali di quanti nella cultura credono e di cultura vivono", dichiara il sindaco di Roccasecca, Giuseppe Sacco

photo credit: Tilly Sfortunato licenza CC ->https://bit.ly/3LzOO9X

La città di Roccasecca, in provincia di Frosinone, ha presentato la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2025.

Il dossier di candidatura si basa “su una straordinaria coincidenza – si legge in una nota del comune di Roccasecca – fra l’anno di candidatura e l’ottavo centenario della nascita del figlio più illustre della cittadina laziale: San Tommaso d’Aquino, un vero e proprio gigante della cultura mondiale, fondatore non solo di un sistema teologico filosofico di assoluta eccellenza e qualità, ma anche di un sistema di diffusione del sapere di assoluta attualità. La sua vocazione al sapere è ancora oggi di stimolo per migliaia di giovani di tutto il mondo che studiano nelle università a lui collegate.

Ma non di solo Tommaso si nutre il dossier: Roccasecca è anche la città natale di Severino Gazzelloni, talento purissimo della musica novecentesca, a cui sarà dedicato un nuovo auditorium, costruito per l’occasione, nonché la città che ha stimolato alcune delle più famose e divertenti gag di Antonio De Curtis, il grande Totò, supremo interprete del comico e del drammatico, a cui verrà dedicata una innovativa mostra curata dal suo più autorevole studioso, Alberto Anile”.

Sono queste solo alcune delle decine di iniziative previste dal dossier, costruito in maniera partecipata e collegiale con l’adesione di oltre 30 comuni del territorio, tra cui va ricordato ovviamente il capoluogo di provincia, Frosinone; da oltre 25 associazioni culturali del territorio che assicurano lo stretto legame fra il progetto e la comunità che lo dovrà realizzare e generare ricadute permanenti. Il dossier conta anche il supporto di numerose università, a partire da quella di Cassino e del Lazio meridionale: Roccasecca, a partire dal 2025, vuole infatti diventare un centro permanente di studi, città del sapere aperta in ogni stagione ad ospitare attività tematiche di qualità internazionale. Questa vocazione ha il compito di collegarsi alle nuove attività che si stanno sviluppando per rilanciare un territorio in grave crisi demografica ma che grazie all’economia circolare potrà attrarre nuovi giovani e nuove famiglie.

“Mentre tante aree parlano solo di spopolamento e desertificazione culturale, noi apriamo biblioteche, musei, suggellando i successi sostanziali di quanti nella cultura credono e di cultura vivono” dichiara nella nota il sindaco di Roccasecca, Giuseppe Sacco. “Leggo con straordinario piacere la dichiarazione del ministro Franceschini sulla partecipazione alla competizione per il titolo di capitale da parte di città anche di piccole dimensioni. Sono convinto infatti che proprio città come Roccasecca abbiamo il compito, l’opportunità e il dovere di rilanciare una nuova cultura nazionale”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna