Galleria Borghese sempre più social, nuovi appuntamenti online

Su Instagram è oggi il terzo museo italiano più seguito

La Galleria Borghese amplia l’attività sui canali social con un ciclo di nuovi appuntamenti. “Se in questo momento non possiamo accogliere i visitatori, non vogliamo farvi dimenticare i capolavori che raccontano la storia del museo – spiega la direttrice della Galleria Borghese Francesca Cappelletti – e da oggi (ieri ndr) sul nostro sito e i nostri canali social i nuovi appuntamenti sono riservati all’approfondimento di opere scelte dalle persone che lavorano nel museo e che le hanno studiate a lungo”.

Non solo: “Abbiamo anche invitato amici stranieri della Galleria Borghese – prosegue Cappelletti – che si trovano oggi a Roma per ragioni di studio o di lavoro, perché ci manca il pubblico internazionale che affollava il museo: nella loro lingua vi racconteranno l’opera preferita. Proprio perché il museo è luogo di scambio e di dialogo, abbiamo pensato di ripristinare la conversazione sulle opere e sul valore ispirazionale della collezione, che possono accendere la creatività degli artisti. Le sale ospiteranno infatti letture di libri e di poesie, eventi di letteratura contemporanea per ristabilire il nesso tra il passato e la memoria e la vita di oggi”.

Questa la nuova serie di appuntamenti digitali della Galleria Borghese, che sono introdotti dalla direttrice con una clip video: “Sguardi lontani e vicini”: personaggi della cultura internazionale, come Elizabeth Rodini, direttrice dell’Andrew Heiskell Arts, American Academy in Rome, e personalità di altri istituti di cultura, tra cui l’Accademia di Francia, Villa Medici, raccontano un’opera nella loro lingua (con sottotitoli italiani); ” We are here for you”: gli addetti ai lavori del museo (storici dell’arte, restauratori, funzionari) approfondiscono in brevi conversazioni un’opera, come la restauratrice Barbara Provinciali che lavora sui mosaici romani della collezione, integrati nella decorazione degli interni della Villa e oggetto di un restauro in collaborazione con l’Istituto centrale per il Restauro; “A lezione di museo”: il primo di questi mini documentari di circa 30 minuti, che affrontano nel dettaglio argomenti di ricerca o di lavoro della Galleria, è dedicato alle indagini diagnostiche e al riallestimento della “Deposizione di Cristo” di Raffaello Sanzio raccontati dalla responsabile del progetto Marina Minozzi; “In piccola compagnia”: nelle sale del museo dialoghi e letture di poesie e di novità editoriali con autori di libri come Aldo Cazzullo e Paolo Di Paolo. L’attività social della Galleria Borghese, sottolineano dal museo romano, ha contribuito a creare, nel corso dell’anno, una vasta comunità di pubblico, che ha raggiunto la punta massima durante la scorsa primavera: su Instagram è oggi il terzo museo italiano più seguito e su Facebook l’incremento è stato notevole e pari al 400%.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna