19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Hollywood Icons, le foto della Fondazione John Kobal in mostra

Dal 24 giugno al 17 settembre, il gotha di Hollywood al PalaExpo. I curatori presentano la mostra

Rita Hayworth, Gilda, Robert Coburn
Rita Hayworth in uno scatto di Robert Coburn per il film Gilda (Columbia Pictures © John Kobal Foundation)

Hollywood torna sul Tevere, o quanto meno a Roma. Hollywood Icons, una mostra con le foto della Fondazione John Kobal apre oggi i suoi battenti al Palazzo delle Esposizioni. I due curatori  Simon Crocker  e Robert Dance ci hanno presentato la mostra.

160 ritratti di star di Hollywood e della storia del cinema, da Audrey Hepburn, scelta per la locandina, a Marlene Dietrich passando per Joan Crawford, Clark Gable, Marlon Brando, Jane Russell e i due italiani Sophia Loren e Marcello Mastroianni.

Al Palazzo delle Esposizioni in Hollywood Icons sono in mostra alcuni fra gli scatti più noti della grande Hollywood: dagli anni ’20 agli anni ’60. Tutti gli scatti appartengono alla collezione di John Kobal. Ma chi era John Kobal? Una parte della mostra lo presenta: prima attore, poi giornalista e soprattutto collezionista. Kobal iniziò a raccogliere foto delle star degli anni d’oro di Hollywood a partire dagli anni ’60. Una collezione composta da più di mille foto.

John Kobal raccolse dapprima i negativi e poi conobbe di persona tutti i fotografi autori degli scatti: A.L. “Whitey” Schafer, Clarence Sinclair Bull, Elmer Foyer, Ernest Bachrach, Eugene Robert Richee, George Hurrell, John Engstead, Laszlo Willinger, Robert Coburn, Ruth Harriet Louise, Ted Allen e William Wailing Jr. Fra i ritratti esposti anche il famosissimo di Joan Crawford realizzato da George Hurrell e l’indimenticabile immagine di Greta Garbo nei panni di Gilda.

Questa foto è la preferita del curatore della mostra, Simon Crocker, ex direttore della John Kobal Foundation, secondo lui la mostra va visitata perché:

“Questa era una grande era per la fotografia, sì è su Hollywood, ma se lo vedi ora, è stata una grande era per la fotografia. Siamo così abituati a foto scattate al momento, come quelle dei paparazzi, o gli stessi ritratti, oggi vengono realizzati così. Quello che è unico di questo periodo, è che questi ritratti erano davvero pensati, c’era un lavoro incredibile dietro. Se sei interessato alla moda, al cinema, alla fotografia, sei interessato a questa mostra. Magari non conoscono tutti i soggetti ritratti, ma magari rimangono colpiti da alcuni scatti e decidono di guardare i film in cui recitano. Questa è l’idea di fondo: vedere i film con queste star, rendere interessanti queste star e sono dei meravigliosi esempi di ritratti”.

Robert Dance sottolinea il motivo storico:

“Per avere un senso della storia di Hollywood, delle grande star e dei film e delle immagini che li hanno creati che hanno ancora senso oggi”.

Crocker ci racconta anche qualche aneddoto, per esempio la mitica foto di Jane Russell:

“Il film per cui era stata scattata ebbe problemi con la censura e uscì molto dopo le riprese. Avevano costruito uno speciale reggiseno per lei, Jane Russell era una donna molto formosa. E c’è stata una leggenda su questo reggiseno, e lei ci svelò: non ce l’avevo, mi vedete, come m’ha fatto la natura, ma non lo dissi a nessuno”.

Dance, invece, sottolinea come “ogni foto ha una storia ed è importante venire alla mostra per vedere come lo stile è evoluto negli anni, per vedere Marlon Brando in t-shirt, uno choc per l’epoca. O tutti gli scatti di attori che fumano, molto comuni all’epoca, ma oggi vietati”.

“È molto difficile scegliere una foto che preferisco, una è Rita Hayworth nelle vesti di Gilda. È la quintessenza del glam di Hollywood”, ha raccontato Crocker. Anche le due foto degli attori italiani hanno colpito il curatore:

“La foto di Sophia Loren è bellissima, è una star pazzesca e non esce mai male nelle foto. Marcello Mastroianni è un uomo molto bello ed è famoso anche in Gran Bretagna, avrei voluto avere più foto di quel periodo… magari avessimo foto di Anna Magnani”.

Robert Dance non ha una foto preferita, ma l’ha colpito molto alcuni scatti:

“Quelli di Ruth Harriet Louise e quella di George Hurrel a Joan Crawford perché è davvero emblematica”.

Le foto sono state scelte per un motivo ben preciso:

“Lavoro con questi scatti da anni, dal 1974 e ho conosciuto molti di questi fotografi e li conosciamo bene con Robert e abbiamo scelto le foto che meglio rappresentano il loro lavoro”.

Hollywood Icons (24 giugno – 17 settembre)
Palazzo delle Esposizioni
via Nazionale, 194
Orario dal 24 giugno al 16 luglio, dal 29/08 al 17/09
domenica, martedì, mercoledì e giovedì 10-20
venerdì e sabato 10-22:30

Orario estivo dal 18 luglio al 27 agosto
domenica, martedì, mercoledì e giovedì 12-20
venerdì e sabato 12-23

Biglietto 8 euro, ridotto 6 euro

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014